VIDEO / “Essere senza Futuro”: la Giornata della Memoria ad Impruneta

VIDEO / “Essere senza Futuro”: la Giornata della Memoria ad Impruneta

839
0
SHARE

Francesco Battaglini, Artista e Presidente dell’Associazione Art Art Impruneta, presenta “Essere senza Futuro”, l’esposizione che vedrà l’arte, nelle sue varie forme, farsi veicolo di memoria e commemorazione indelebile della nostra storia.
Alcune immagini, semplici parole per invitare la cittadinanza tutta a partecipare all’evento odierno!

Ecco i dettagli della manifestazione che durerà tre giorni e si concluderà eccezionalmente Sabato 4 Febbraio.

ORARIO APERTURA: venerdì 27 ore 21,00/23,00 – sabato 28 ore 17,00/19,00 – domenica 29 ore 16,00-19,00 21,00/23,00 INGRESSO LIBERO

 

Il 27 gennaio 2017 l’Associazione Art Art Impruneta – Galleria IAC, la Casa del Popolo Impruneta, ANPI Impruneta e l’Associazione Ferdinando Paolieriorganizzano e promuovono la manifestazione

“ESSERE SENZA FUTURO”.

Presso Art Art Impruneta – Galleria IAC, Impruneta Arte Contemporanea, Via della Croce 41, esporranno:
Francesco Battaglini, grafica e sculture;
Ignazio Fresu, installazione;
Alda Giunti, scultura;
Nicole Guilleminot-guillon, installazione fotografica;
Franco Margari, pittura;
Fiorella Noci, tecniche miste.

Il grido degli artisti ingloba, denuncia ed auspica la fine di ogni i tipo di violenza, anche attuale.

Programma:
– Alle 21:00 di venerdì 27 gennaio la Filarmonica “Giuseppe Verdi” di Impruneta inaugurerà la mostra con un trio di Ottoni che presenteranno brani tratti da canti ebraici e musiche del periodo storico.

– La manifestazione proseguirà, ancora negli spazi di Art Art Impruneta – Galleria IAC, sabato 28 gennaio dalle 17:00 con la lettura di poesie da parte dell’Associazione Ferdinando Paolieri e letture di brani inerenti la seconda guerra mondiale sul territorio di Impruneta da parte dell’Associazione ANPI, accompagnate dal gruppo  Aeroflot feat. Collettivo Radio Mosca.

– Domenica 29 alle 21 la lezione spettacolo sugli avvenimenti culturali che portarono alla promulgazione delle leggi raziali nel 1938 di e con Marco Vichi e Lorenzo Degl’ Innocenti

– Concluderà la manifestazione sabato 4 febbraio alle ore 21:00, presso la Casa del Popolo Impruneta, lo spettacolo teatrale “C’era la rivolta nel ghetto” della Compagnia Teatri d’Imbarco.

SHARE
Previous articleCascine del Riccio, la Lega: “Dopo nostre segnalazioni qualcosa si è mosso
Next articleGobetti-Volta, Giornata della Memoria: “Non dimenticare” sulle note di “Auschwitz”
L’Associazione Culturale Art-Art, nata nel 2002 dalla trasformazione dello storico gruppo dei Pittori e Scultori Imprunetini, aperta ad ogni forma d’arte e di comunicazione espressiva, è arrivata oggi a comprendere al suo interno 120 artisti, fra cui Artisti Soci Onorari di chiara fama internazionale. Con la finalità di diffondere la ricerca artistica e culturale a partire dal territorio di Impruneta, Art-Art promuove molteplici mostre, eventi, corsi, concorsi, simposi, performances di scultura in terracotta, conferenze e pubblicazioni a livello nazionale ed internazionale; è attiva con progetti insieme al volontariato sociale e la beneficenza, organizzando aste a favore di associazioni impegnate nel sociale. E’ dotata di una sua rivista quadrimestrale, La Rivista Art-Art, strumento indispensabile per veicolare le idee, le iniziative dell’Associazione e la cultura in generale. Nel mese di settembre 2008 si è inaugurato il nuovo spazio espositivo dell’Associazione, Galleria IAC - Impruneta Arte Contemporanea -, in via della Croce 41. Nello spazio suddetto vengono organizzate mostre personali e collettive che vedono la partecipazione di artisti invitati, provenienti da varie parti del mondo, in uno scambio che riteniamo fertile e stimolante. Degna di nota è anche la collaborazione con molte Associazioni toscane, Musei e gallerie nazionali, proficuo intreccio di competenze diverse per organizzazioni di eventi. Molte le collaborazioni con le Province e i Comuni toscani, con l’Amministrazione Comunale di Impruneta e la Regione Toscana. Art-Art è Socia Fondatrice dell’Associazione Antonio Berti di Sesto Fiorentino, Firenze e Socia di Aparte, Associazione Pecci Arte, Prato.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY