TPL, l’assessore Merenda e il sindaco Calamandrei: “Domani approveremo la direttiva sul...

TPL, l’assessore Merenda e il sindaco Calamandrei: “Domani approveremo la direttiva sul chiarimento del contributo dal Comune, a bilancio già 65.000 €”

"uno sforzo, il nostro, non certo secondario legato alla presentazione ISEE", affermano le due autorità imprunetine

554
0
SHARE

Di seguito la nota a firma dell’assessore Sabrina Merenda e del sindaco Alessio Calamandrei, rispettivamente con delega a pubblica istruzione e trasporto pubblico:

 

“L’Assessore alla Formazione-Istruzione Sabrina Merenda (entrata a far parte del Coraggio di Cambiare a maggio 2018) del Comune di Impruneta, rappresentante di Impruneta Comune Aperto, (ci tiene a ribadire una coalizione solida e funzionante) risponde alla preoccupazione di alcuni cittadini rispetto il pagamento del TPL (Trasporto Pubblico Locale), legato agli aumenti che hanno coinvolto, loro malgrado, tutti i Comuni della Regione Toscana a seguito del riordino effettuato dalla stessa e del “contratto ponte” (in attesa della risoluzione del bando di affidamento del TPL) che la Regione Toscana ha firmato con le aziende.

Ci tiene a precisare gli enormi sforzi fatti dal 1 luglio rispetto a una situazione nuova e la volontà di tutta la Giunta di trovare una soluzione per venire incontro ai cittadini.

Al centro il sindaco Calamandrei e l’assessore Merenda

Infatti domani, martedi  4 settembre, la Giunta approverà, (dopo le verifiche  economiche effettuate in questi giorni) dopo il rispetto di tempi tecnici burocratici, la direttiva riguardo il chiarimento del contributo da parte del Comune, che sarà uno sforzo effettivo concreto e non secondario, legato alla presentazione della domanda ISEE come stabilito dalla Regione stessa. Il Sindaco Alessio Calamandrei che ha la delega sui trasporti ci tiene a precisare che aveva già messo sul Sito del Comune una informazione sommaria riguardo a ciò e che il tempo intercorso per far fronte a questa emergenza era necessario per arrivarci, avendo la Regione dato le ultime direttive solo in data 8 agosto 2018.

Gli uffici scolastici del Comune hanno risposto regolarmente ad ogni quesito ogni giorno ed esistono email istituzionali presenti sul Sito del Comune, utilizzabili dal cittadino in caso di domande importanti. Inoltre, aver impostato il servizio a TPL e non a trasporto scolastico, è stata una scelta politica, proprio in virtù del risparmio alle famiglie che fanno utilizzare tale servizio ai loro figli. Si ricorda inoltre che il costo del servizio è coperto dagli abbonamenti solo per una percentuale che arriverà intorno al 30% (così come previsto dalla normativa regionale) mentre il comune con la creazione di tale servizio, mette già a bilancio oltre 65.000 euro. Vero è che il primo anno in fase “emergenziale” il comune ha coperto l’intero importo del servizio, (85.000 euro circa) e che a seguito di una riorganizzazione funzionale l’anno scorso sono comunque stati erogati dei contributi per le fasce ISEE più deboli, allo stesso tempo con il bilancio dell’ente in deficit, seppur in miglioramento (circa 23 milioni di debito nel 2013, ad oggi circa 15 milioni) un aumento diretto della contribuzione  si andrebbe a configurare come “danno erariale” da parte dell’ente.

Comunque già domani, con la convocazione della Giunta Comunale, L’Assessore ed il Sindaco presenteranno una direttiva che va ad incentivare i contributi Comunali a seguito della presentazione dell’ISEE.

Ultima nota di non poco conto, si ricorda che da quest’anno è possibile portare in detrazione fiscale il 19% dell’importo così come ben specificato nella nota sul TPL all’interno del sito della Regione Toscana, e che quindi gli aumenti “netti” sono comunque inferiori a quelli continuamente riportati dalla stampa.”

 

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY