Ammainata la bandiera rossoverde: capitan Caschetto va al Porta Romana!

Ammainata la bandiera rossoverde: capitan Caschetto va al Porta Romana!

518
CONDIVIDI

Il Porta Romana continua a sorprendere e dopo i tesseramenti di Mazzoni, Spinelli e Vanni si assicura un altro protagonista del calcio dilettantistico ripolese: Carloalberto Caschetto.

Un vero e proprio colpo di mercato messo a segno dal direttore sportivo arancionero Chiarelli. Centrocampista di qualità che può giocare sia mezz’ala sia in cabina di regia, è stato il faro dell’armata rossoverde allestita dal presidente Zepponi e magistralemte schierata in campo da mr. Innocenti. Caschetto era stato promosso con i gradi di capitano della prima squadra del Grassina ad inizio stagione. Le coppe conquistate pochi mesi, il campionato vinto con largo anticipo e la Supercoppa in gara unica contro il Grosseto, saranno i primi e ultimi trofei alzati da Caschetto nelle vesti di capitano e giocatore rossoverde. Un divorzio assolutamente non preventivabile fino a poco tempo.
Una notizia sorprendente, al limite del clamoroso, che rivoluziona la griglia di partenza del prossimo campionato di Eccellenza.

Caschetto nel derby di beneficenza

Il Porta Romana dunque, dopo aver rinforzato notevolmente la rosa a disposizione di mister Lacchi con gli innesti di Vanni (dal Valdarno), Spinelli dal Castelfiorentino e Mazzoni dall’Audax Rufina (e vecchia conoscenza dell’Antella), mette a segno il colpo da 90, aggiudicandosi un giocatore determinate per la categoria e di indiscusso valore, reduce da una stagione caratterizzata tante luci e, purtroppo, anche qualche ombra (come l’espulsione nel derby contro l’Antella al Peruzzi). Una sola rete in campionato, nell’incontro casalingo contro la Castiglionese, in diciotto presenze, e una in Coppa contro il Valdarno sono un bottino troppo risicato per un giocatore dalle sue doti balistiche, come testimoniato dal video della rete su punizione messo a segno contro la formazione della valle dell’Arno del suo futuro compagno di squadra Vanni.

Una cosa è certa, con Caschetto il centrocampo arancionero può compiere il definitivo salto di qualità per competere per le posizioni di vertice del prossimo campionato di Eccellenza.

CONDIVIDI
Nato a Bagno a Ripoli il 20 Ottobre 1994, amante del calcio in tutte le sue sfumature, ho passato buona parte della mia vita sui campi della Toscana a smistare palloni, e a prendere qualche salutare pedata. Una carriera scolastica eterogenea, iniziata come geometra ed evoluta come studente di scienze politiche della facoltà di Firenze. Nella vita poche cose sono certe ma su una vado sul sicuro, ho passato più ore a giocare a calcio che sui libri. Col tempo ho coltivato la passione per il giornalismo, lavorando nella redazione sportiva dell'emittente televisiva di Italia 7.