Prima di ritorno: non va! Usa & Getta sconfitti per 2-1

Prima di ritorno: non va! Usa & Getta sconfitti per 2-1

Sconfitta amara, troppe definizioni, Usa & Getta fermi sul 2-1

1080
0
SHARE

Inizia il girone di ritorno e gli Usa e getta sono costretti ad ingoiare un boccone amaro.

Decimati da influenza e defezioni dell’ultimo minuto sono costretti ad adattarsi a un modulo quasi dimenticato e a ruoli tutt’altro che adatti alle caratteristiche di ognuno.Partita dunque all’insegna del sacrificio, i nostri ragazzi si scoprono però molto compatti nella fase difensiva concedendo poche occasioni agli avversari, a discapito però delle ripartenze offensive, poche, e troppo poco efficaci.Rossi difensore centrale si batte come un leone, ma sulla fascia mancano le scorribande del profeta, e si sente. Ci prova Patriarchi a destra che con lanci e inserimenti tenta di alzare il baricentro usa e getta, insolitamente basso.

Sulla sinistra Piarulli prova a dirigere come al solito la squadra, ma la cabina di regia in posizione defilata non aiuta. Buoni però alcuni lanci e le ripartenze, complice l’efficace intesa con Cerini a centrocampo, scuola Bagno. Il pupillo della Nave si scopre pieno di una resistenza che non sapeva di avere, corre un sacco in mezzo al campo, aiuta in difesa e si propone in attacco, peccato per le occasioni sbagliate, la partita avrebbe avuto un altro volto. Al suo fianco Poteti fa buona guardia e più volte le sue conclusioni regalano brividi ai tifosi. È suo il tiro-cross al veleno, deviato fortuitamente da un avversario, che concede il vantaggio nel primo tempo agli Usa e getta. Là davanti Sulli è troppo solo, eppure il filosofo protegge la palla e crea qualche occasione. La superiorità numerica difensiva tuttavia spesso disinnesca le intenzioni sul nascere. Lo sostituisce Spagnoli, che sul piano fisico la gioca egregiamente, ma il centravanti è costretto per molti, troppi minuti preziosi a giocare dietro a causa dell’assenza di tutta la difesa titolare. Giocare lontano dall’area di rigore avversaria è un peso per lui e una mancanza per la squadra.

Bella prova di Scarselli, che salta come un grillo e salva il risultato in numerose occasioni, incolpevole nei due goals che nel secondo tempo segnano la disfatta per gli Usa e getta.Tirando le somme, squadra troppo timida contro un avversario col quale strappare 3 punti era quasi un obbligo. Troppe le occasioni sprecate, pagate sul finale quando stanchezza e disattenzione condannano alla disfatta.

La seconda metà del campionato comincia in salita, speriamo che dopo la falsa partenza i ragazzi siano in grado di riprendere lo slancio.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY