Bagno a Ripoli, lettera aperta a Rocco Commisso: “Centro Sportivo? L’inizio della...

Bagno a Ripoli, lettera aperta a Rocco Commisso: “Centro Sportivo? L’inizio della fine del Piano di Ripoli”

Firmata da Per Una Cittadinanza Attiva, Bagno a Ripoli Italia Nostra Onlus,Legambiente Circolo di Bagno a Ripoli: "Fast Fast Fast non è sinonimo di presto e bene".

807
4
SHARE
Commisso

C’è posta per Rocco Commisso. Proprio nel giorno – oggi, giovedì 28 novembre – che vedrà l’italo americano impegnato nell’incontro pubblico sul territorio di Bagno a Ripoli per la presentazione del progetto “Centro Sportivo”, il Presidente della ACF Fiorentina Commisso riceve una lettera aperta firmata da Per una Cittadinanza Attiva, Bagno a Ripoli Italia Nostra Onlus,
Legambiente Circolo di Bagno a Ripoli. La speranza di tali gruppi affinché il Piano di Ripoli venga salvaguardato da una serie di realizzazioni infrastrutturali impattanti risiede, ormai, esclusivamente della Soprintendenza. Nel dettaglio:

Presidente Commisso, ci auguriamo che la Fiorentina, nell’immediato futuro, non sia ricordata solo per il centro sportivo più grande e più bello del mondo, perché questo intervento, in una visione più ampia, potrebbe invece passare alla storia come l’inizio della fine del Piano di Ripoli.

Ricordiamo che tutta l’area del Pian di Ripoli ricade sotto numerosi vincoli statali paesaggistici ma anche idraulici di vario genere, che devono garantire un’assoluta permeabilità del terreno: non a caso la vasta area in questione si chiama “il Padule”. Ricordiamo che i terreni sono dei privati ma il territorio è un bene di tutti, specialmente oggi che i mutamenti climatici ce lo ricordano sempre più frequentemente e drammaticamente.

Vorremmo spiegare a Lei e soprattutto ricordare alla popolazione di Bagno a Ripoli che oltre a questo Centro Sportivo sono programmati contemporaneamente altri numerosi interventi edilizi e urbanistici che, in breve, faranno del Piano di Ripoli una periferia asservita ai “desiderata” della città di Firenze.

Commisso

Quello che era il pomaio, l’orto e il Giardino di Firenze, ne diventerà invece il campeggio, il deposito della Tramvia, i parcheggi per un traffico non solo di transito ma anche di circolazione, che modificheranno completamente usi, costumi e identità di questo territorio, aprendo le porte anche ad attività improprie a carattere di sfruttamento e di impermeabilizzazione del suolo.

La natura degli interventi e la totale occupazione degli spazi ancora liberi banalizzano questi valori storici e ambientali, avvicinandoli in prospettiva a quelli solo commerciali applicati ad altre periferie della piana a nord-ovest di Firenze.

La velocità, ovvero il suo Fast, Fast, Fast non è sinonimo, qui da noi, di presto e bene. Al Fast d’oltre Oceano contrapponiamo, purtroppo, il presto e fatto male che già conosciamo da interventi in atto anche nel nostro Comune, che non stiamo qui a richiamare. Il Fast, usato come pretesto, non ha permesso di entrare nel merito delle questioni che la complessità degli interventi richiedevano già come scelta più opportuna per il pian di Ripoli e il capoluogo.

Dal punto di vista politico-urbanistico-amministrativo l’incontro di giovedì 28 novembre rappresenta la prima volta in cui i membri della competente Commissione Urbanistica consiliare, che vorranno essere presenti, apprendono le idee di questo progetto, non per partecipazione alla decisione ma come racconto del già deciso.

Neppure il Consiglio comunale ha partecipato al processo di indirizzo sulla trasformazione del pian di Ripoli in una periferia di Firenze, mentre gli atti di vendita corrispondevano già a prezzi adeguati a questo futuro imposto o concordato nelle stanze del potere.

Per questo non cesseremo di confidare nell’unico organo rappresentato dalla Soprintendenza nella difesa dei Beni Culturali comuni, visto che la Regione ormai concede varianti in barba a tutti i vincoli e in deroga al Piano di Indirizzo Territoriale (cioè al Piano Paesaggistico), al quale il nuovo Piano strutturale di Bagno a Ripoli aveva già sostanzialmente aderito fin dal 2013-14.

La ringraziamo per l’ascolto.”

Commisso

4 COMMENTS

  1. This is the right blog for anyone who wants to find out about this topic. You realize so much its almost hard to argue with you (not that I actually would want…HaHa). You definitely put a new spin on a topic thats been written about for years. Great stuff, just great!

  2. After study a few of the blog posts on your website now, and I truly like your way of blogging. I bookmarked it to my bookmark website list and will be checking back soon. Pls check out my web site as well and let me know what you think.

LEAVE A REPLY