Torno dalle vacanze e mi porto in valigia una riflessione.

    Torno dalle vacanze e mi porto in valigia una riflessione.

    156
    CONDIVIDI

    Buongiorno compaesani!
    Sono tornata dalle vacanze, PURTROPPO. Dico purtroppo perché sono andata in Austria, nella valle dello Stubai, precisamente in un paesino che si chiama Neustift im Stubaital e credetemi se vi dico che quel posto è magico, meravigliosamente meraviglioso e lo ammetto, se non fossi così attaccata alle mie radici (mannaggia a me!) potrei seriamente pensare di andarci a vivere.
    Ho visto dei luoghi splendidi, dei boschi che sembravano usciti dai racconti di Beatrix Potter, dei prati di un verde che non riuscirei nemmeno a descrivervelo, tanti animali felici, un cielo che cambiava colore ogni minuto ed ho respirato un’aria davvero bella e pulita. Insomma, ci tornerei seduta stante ma visto che non posso, post vacanza ho fatto una riflessione e vorrei condividerla con voi.
    I paesini che ho visto non sono città, sono semplici paesi di montagna e personalmente sono rimasta stupefatta di quanto siano puliti, curati ed in ordine. Nulla è lasciato al caso, tutto è sistemato come se fosse lì ad aspettare una foto da cartolina, non c’è un angolo della strada che ti faccia storcere la bocca. I campi ed i prati sembrano usciti da un dipinto, l’erba non è mai incolta, è tagliata tutta uguale in maniera perfetta, quasi maniacale, le aiuole sono curate all’ennesima potenza, i colori dei fiori nei vasi delle case, sulle terrazze, nelle piazze e per le vie sono cromaticamente perfetti e sistemati benissimo, c’è la pulizia delle strade praticamente ogni mattina e sono a dir poco pulite, si potrebbe mangiare per terra. Su quei marciapiedi non c’è una sigaretta, un fazzoletto, uno scontrino, nulla di nulla e sapete cosa mi ha fatto rimuginare molto? Il fatto che io sia rimasta stupita quando tutto ciò dovrebbe essere normale.
    Guardo la mia Firenze ed è bellissima ma è anche tanto sporca, poi in piccolo guardo il mio paesino che fa comune esattamente come quello dove ero in vacanza e con un po’ di tristezza nel cuore mi tocca dire che non c’è nemmeno l’ombra di un vago paragone. Ed attenzione, non parlo del contesto montanaro o collinare, dei panorami o cose così, mi riferisco alla cura delle piccole cose, all’amore che c’è dietro ad una balconata piena di fiori ben messi e non di piantine secche. Sembra poco ma è tanto, non è bello rimanere stupiti delle pulizia e dell’ordine altrui perché questo implica che dove vivi te non ce n’è abbastanza.
    Dallo Stubai ho portato con me tanti bei momenti, tanta voglia di ritornarci e tanti sorrisi, ma ho messo in valigia anche questa riflessione e mi sembrava giusto condividerla con voi.
    Buon Ferragosto a tutto il mio paesello, a chi è a sguazzare e a chi è sui monti a frescheggiare!

    CONDIVIDI
    Nata nel 1990, sono un'imprunetina doc e guardo il mio "paesello" con occhi innamorati ed al contempo critici. Per me scrivere è un bisogno, è una passione che mi scorre nelle vene mescolandosi ai globuli rossi perché c'è sempre qualcosa da dire o qualche storia da raccontare e... Quando la penna mi chiama, io rispondo.