Maltempo, Greve in Chianti inondata dai disagi 

Maltempo, Greve in Chianti inondata dai disagi 

Tanti i disagi che interessano tutto il territorio Grevigiano. Preoccupa particolarmente l’alto livello della Greve e il rischio di frane e cedimenti

698
0
SHARE
disagi Greve in Chianti
Ferrone

Dopo l’allerta meteo di ieri notta, il comune di Greve in Chianti si è svegliato contando i danni che interessano tutto il territorio. Sono i cittadini stessi che sui social si tengono aggiornati sulle criticità che rilevano, mentre resta instabile il maltempo.
L’elenco delle criticità è lungo e non banale.

Nella località di Panzano in Chianti ore senza corrente accompagnate da un malfunzionamento della linea telefonica. Nella frazione di Greti è stata invece l’acqua (strano ma vero) a mancare per tutta la mattinata.

Nella notte anche la località di Poggio alla Croce è stata interessata dai disagi causati da più frane che hanno bloccato la provinciale sia in direzione Figline che in direzione San Polo. Ad intervenire per liberare la strada i volontari della Protezione Civile La Racchetta.

A preoccupare è stata anche la situazione del fiume Greve ed Ema che nella notte hanno raggiunto il secondo livello. Come ci ha fatto sapere il Consorzio Bonifica 3 Medio Valdarno “Il primo a destare preoccupazione è stato il Torrente Ema che prima a Strada in Chianti e poi a Grassina ha sforato le soglie di attenzione arrivando a toccare quasi i 3 metri: entrata in funzione la briglia a bocca tarata di Capannuccia e gli argini di difesa della zona industriale di Meleto”.

In alcune aree della località Ferrone si sono registrate fuori uscite dagli argini del fiume Greve. Situazione critica anche nella frazione di Greti, dove il fiume spaventa per il raggiungimento degli argini. Sono gli stessi cittadini a pubblicare le foto preoccupanti della piena durante la notte e, ancora, durante tutta la giornata di oggi.

Attualmente la situazione sembra essersi calmata per quanto riguarda i livelli dei principali torrenti e dei disagi registrati, ma permane il codice arancio per rischio idrogeologico-idraulico lanciato ieri dalla Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze. Per tale ragione si invitano i cittadini ad evitare di attraversare le aree allagate e prestare massima attenzione negli attraversamenti dei corsi d’acqua, degli argini dei torrenti e nel transito delle zone depresse.

disagi Greve in Chianti
Foto di Greve in Chianti

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY