Grassina, storica doppietta! Grosseto sconfitto 2-1, la Supercoppa Eccellenza è rossoverde. Decide...

Grassina, storica doppietta! Grosseto sconfitto 2-1, la Supercoppa Eccellenza è rossoverde. Decide Villagatti all’ultimo respiro

576
CONDIVIDI

SUPERCOPPA ECCELLENZA TOSCANA

GRASSINA – GROSSETO 2-1

GRASSINA: Burzagli, Stella, Benvenuti (dall’89 Meacci), Degli Innocenti, Fani, Villagatti, Torrini, Nuti (dal 79′ Khtella), Baccini (dall’82’ Bruni), Bellini, Cattani. A disp.: Merlini, Fabbrini, Dall’Olmo, Martellini, Caschetto, Vannoni. All. Innocenti Matteo

GROSSETO: Nunziatini, Pizzuto (dal 68′ Biancalani), Sabatini, Cretella, Ciolli, Gorelli, Camilli, Zagaglioni (dal 60′ Fratini), Villani (dal 60′ Raito), Boccardi, Luci (dal 52′ Del Nero). A disp.: Cipolloni, Cantore, Bianchi, Pierangioli, Consonni. All.: Magrini Lamberto

Arbitro: il sig. Edoardo Mazzoni di Prato

Assistenti: il sig. Filippo Pignatelli di Viareggio e il sig. Lorenzo Puccini di Pontedera

Marcatori: 33′ Cattani (Gra), 54′ Cretella (Gro), 93′ Villagatti (Gra)

Note: ammoniti per il Grosseto Gorelli e Pizzuto, espulso Boccardi. Ammoniti per il Grassina Baccini, Villagatti e Khtella, espulso Torrini

Era l’ultimo appuntamento di una stagione indimenticabile per il Grassina, conclusa con la storica promozione in Serie D. Allo stadio “Bozzi” delle due Strade gli uomini di mister Innocenti sfidavano il Grosseto, società storica del calcio toscano, nella quarta edizione della Supercoppa Eccellenza con l’obiettivo di arricchire la bacheca di via Bikila.

Davanti una bella cornice di pubblico, con entrambe le tifoserie organizzate a scaldare l’atmosfera con tamburi, fumogeni e bandiere, la squadra del patron Tommaso Zepponi ha centrato una storica doppietta: il gol al 93′ di capitan Villagatti ha infatti deciso la sfida contro il Grosseto (2-1) regalando il trofeo ai rossoverdi. Al termine di una partita per lunghi tratti bloccati e nervosa, le risposte positive per la società grassinese sono arrivate anche dall’andamento dei 90′ che hanno dimostrato come, aldilà del risultato, la squadra sembra già ben improntata per la prossima stagione considerando quello di oggi come il primo vero test per l’anno che verrà.

LA CRONACA

Avvio di gara che sorride al Grassina, partito con un piglio più deciso e sorprendendo forse il più blasonato ed esperto avversario: al minuto 8 Bellini sfrutta un indecisione di Sabatini ed entra in area calciando però sull’esterno della rete da posizione defilata. La risposta biancorossa è affidata al destro da fuori di Zagaglioni, ventunesimo minuto, bloccato senza difficoltà da Burzagli. Nel momento di maggior pressione del Grosseto, però, è il Grassina che passa in vantaggio: è il minuto 33’ quando Cattani riceve il pallone dai 25 metri; il numero 11 rossoverde non ci pensa due volte e fa partire un destro a giro che s’infila sotto l’incrocio dei pali non lasciando scampo al tuffo di Nunziatini. L’episodio fa saltare i nervi di una partita lottata ma fino a quel momento corretta; passano appena due minuti di orologio e dopo un fallo si accende una rissa sotto la tribuna che coinvolge anche le due panchine. A farne le spese sono Bellini per il Grassina e Boccardi per il Grosseto che raggiungono così anticipatamente la via degli spogliatoi. Nella tensione generale, con il vantaggio grassinese e 10 contro 10 termina il primo tempo.

Avvio di ripresa e il Grosseto trova il gol del pareggio: al 54′ Cretella porta palla in una percussione centrale, nessuno dei difensori rossoverdi esce a contrastarlo e così il numero 4 biancorosso trova dai 20 metri il diagonale che vale l’1-1. Partita decisamente più viva rispetto al primo tempo con il Grassina che non sembra accusare il contraccolpo psicologico e che, al contrario, sfiora il gol del vantaggio: serpentina ubriacante di Baccini che entra in area e colpisce a botta sicura colpendo per il palo quando corre il minuto 58. Le squadre iniziano a sentire la fatica data da una partita lottata su ogni pallone e dall’uomo in meno e, logicamente, la gara cala d’intensità e a risentire sono spettacolo e occasioni da gol. L’unico sussulto arriva col colpo di testa di Ciolli dagli sviluppi di un calcio di punizione che non impegna però Burzagli. Le due squadre negli ultimi minuti di gara sono più preoccupante dal non regalare il vantaggio piuttosto che cercare la rete che varrebbe il trofeo. Quando ormai tutti si aspettano la lotteria de rigori, il Grassina trova il gol che decide la finale: il calcio di punizione insidioso di Bruni impegna il numero ospite alla deviazione in angolo; dagli sviluppi del tiro dalla bandierina, sul secondo palo stacca più in alto di tutti capitan Villagatti che incorna in rete il gol che tinge di rossoverde la Supercoppa Eccellenza. C’è, infatti, solo il tempo di battere il calcio d’inizio prima che esploda la festa grassinese.

Il Grassina mette così la ciliegina su una stagione pressoché perfetta, mentre il Grosseto si mangia le mani per il secondo posto consecutivo nel torneo, dopo quello della scorsa edizione, sfuggito stavolta all’ultima azione.

CONDIVIDI
Nato nel 1994, sono abbastanza sicuro di aver iniziato a scrivere ancor prima di parlare e camminare. Dopo delle scuole superiori zoppicanti, mi sono laureato in Scienze della comunicazione. Scrivere per me significa raccontare e raccontarsi, non solo informare. Collaborazioni anche con fiorentina.it, Radio Toscana e Tele Iride.