Festa dell’Uva, tra memoria e solidarietà: il Sant’Antonio ricorda il “suo” Francesco...

Festa dell’Uva, tra memoria e solidarietà: il Sant’Antonio ricorda il “suo” Francesco e devolve il ricavato al Meyer

Inizia il rione bianco con l'omaggio al suo rionale Francesco Giani; seguono con eventi di beneficenza Pallò, Fornaci, Sante Marie

950
CONDIVIDI

Comunicando attraverso i canali social l’Ente Festa dell’Uva ed il suo Presidente Riccardo Lazzerini informano dei vari eventi rionali alla cui base vi sono i valori imprescindibili di generosità ed altruismo.
“Un settembre di solidarietà”, infatti, il titolo del post estratto dalla pagina ufficiale Facebook della Festa dell’Uva:

“I quattro Rioni celebrano un settembre di solidarietà con cene/pranzi, il cui incasso, sarà devoluto in beneficenza.
Chi pensa alla Festa dell’Uva di Impruneta, connette immediatamente la mente all’ultima domenica di settembre; spettacolo a 360°, scenografie, coreografie, competizione e tanta adrenalina ma, in realtà, i Rioni sono molto di più. Oltre alla consolidata “gara per la donazione del sangue” che vede impegnati i rionali in uno slancio di generosa competizione, i Rioni si prodigano in quattro appuntamenti importanti e fondamentali per ribadire la “socialità e solidarietà” espressa attraverso questi eventi:

  • Apre il Rione di Sant’Antonio, mercoledì 6 settembre, ore 20:00 (presso la sede rionale) con la realizzazione della quinta cena in memoria di Francesco Giani; il ricavato sarà devoluto in beneficenza all’ospedale Meyer. Costo della cena 10 euro. Ci si può prenotare al rione entro martedì sera. Il menu prevede paste al sugo, braciole alla pizzaiola, piselli, e dolce, offerto anche quest’anno dal forno Zini.

 

  • L’ 11 settembre è la volta del rione del Pallò con la cena alle ore 20:00 (presso la sede rionale) per “Gli Amici di Lapo”, associazione che si occupa della ricerca della malattia rara “morbo di Kawasaki”.

 

  • Il 17 settembre il Rione delle Fornaci dedicano un pranzo, ore 13, (in Via Della Croce a Impruneta) all’Associazione “Nicco fans Club” che sostiene la ricerca sulle malattie oncologiche.

 

  • Chiudono, il 19 settembre, ore 20:00, (presso la sede rionale) il Rione delle Sante Marie ricorda Francesco Russo e Bruno Rustioni, due rionali scomparsi. L’incasso sarà devoluto in beneficenza.

 

CONDIVIDI
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.