DEMENZA SENILE: dalla fisioterapia un aiuto concreto

DEMENZA SENILE: dalla fisioterapia un aiuto concreto

746
0
SHARE

La demenza senile colpisce più di un milione di persone solo in Italia, è una problematica che influenza molti aspetti della vita quotidiana, non solo del paziente ma anche delle persone che sono intorno a lui.

Il Morbo di Alzheimer, definito cosi dal suo scopritore lo Psichiatra e neuropatologo tedesco Alois Alzheimer, è una delle forme più diffuse di demenza senile. E’ una condizione che viene provocata da un’alterazione delle funzioni celebrali (memoria, funzioni cognitive, capacità di parlare, capacità di pensare, capacità di muoversi) che implica serie difficoltà da parte del paziente nell’esecuzione delle normali attività quotidiane

Cosa accade al nostro cervello quando viene colpito da demenza?

  • Si riduce la massa celebrale
  • Si riduce il numero delle sinapsi (connessioni) tra neuroni e il numero di neuroni stessi
  • Si riducono i neurotrasmettitori, come l’acetilcolina, che sono responsabile della comunicazione tra neuroni
  • L’ippocampo, che è la parte del nostro cervello maggiormente deputata alla memoria, viene molto danneggiato

 

Quello che dovresti sapere è che la fisioterapia può essere di aiuto per questa problematica!

Studi scientifici recenti hanno dimostrato efficacia per:

  • Recupero della capacità mnemoniche (di memoria)
  • Inversione del processo di perdita del volume celebrale, soprattutto al livello dell’Ippocampo, che come abbiamo detto prima è molto importante per la memoria
  • Aumento della capacità funzionali
  • Ritardo nella manifestazione dei sintomi della demenza e minore insorgenza di sindromi depressive
  • Il consiglio è quindi quello di non ritardare la consulenza e valutazione fisioterapica, ma utilizzare quanto prima questo tipo di approccio!

 

 

Bibliografia

-Physical activity, cognitive decline, and risk of dementia: 28 year follow-up of Whitehall II cohort study, BMJ 2017, Sabia S et al

-Exercise is associated with reduced risk for incidentia dementia among person 65 years of age and older, 2007 Larson et al

-Aerobic exercise for Alzheimer disease: a randomized control pilot trial. Morris et al

 

 

 

 

Articolo a cura del Dr. Simone Pratesi, laureto in Fisioterapia,
Master I livello in Terapia Manuale, socio fondatore di FisioLab Studio fisioterapico e FisioLab 2.0,
amante del proprio lavoro e sportivo dilettante

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY