COINVOLGIAMOCI TUTTI

COINVOLGIAMOCI TUTTI

1142
0
SHARE

Quando si parla di giovani e nuove generazioni è facile lasciarsi andare a giudizi sommari e superficiali. Capita spesso di sentire parole tutt’altro che tenere nei confronti dei ragazzi, accusati di chiedere tutto e non essere pronti al sacrificio, di non aver voglia di rimboccarsi le maniche, di essere una massa sbandata incapace di prendersi alcuna responsabilità. La scarsa fiducia verso le nuove leve è giustificata va detto da un diffuso atteggiamento passivo tra i nostri coetanei, con molti di loro che sembrano avere poco interesse per il mondo che li circonda e la società in cui vivono, lasciandosi scorrere addosso tutto senza senso critico, curiosità e spirito d’iniziativa.

Bisogna saper però analizzare le cause di queste situazioni, con l’onestà, da parte di chi è più avanti con gli anni, di fare un esame di coscienza e riflettere su quale sia il presente che è stato lasciato alle giovani generazioni, e quali gli errori fatti nel corso dei decenni. Bisogna anche saper vedere le eccezioni nel non incoraggiante mondo giovanile, parlandone e lodandole; molte volte dai ragazzi viene fuori qualcosa di positivo, e ce ne sono di pronti a ben comportarsi, come dimostrano di recente le immagini dei tanti volontari under 30 partiti per dare una mano nelle zone colpite da terremoti e maltempo.

Nel nostro comune, una bella novità giovanile ha fatto la sua comparsa da poco: si tratta del gruppo Coinvolgiamoci, un’aggregazione di circa quindici adolescenti imprunetini, nello specifico tavarnuzzini, vogliosi di entrare nella vita sociale e politica del paese attraverso la promozione di iniziative a attività di informazione. Circa un mese fa, quando su Facebook siamo venuti a conoscenza della loro nascita, ci siamo subito incuriositi, vista anche la piacevole novità che appariva sulla scena. Ieri sera ci siamo incontrati e abbiamo così avuto modo di conoscerci, mettendo a confronto le nostre realtà e proponendoci di collaborare in futuro pe organizzare eventi e sostenerci reciprocamente. Abbiamo trovato in loro un gruppo di ragazzi svegli e determinati, sostenuti dall’entusiasmo della giovanissima età ma soprattutto animati da una serie di idee molto interessanti. Parecchie volte, da quando nel 2013 siamo partiti col progetto del Collettivo, abbiamo sperato di vedere i ragazzi avvicinarsi a noi, e se non a noi almeno alla politica e alla vita del paese, rimanendo però sempre delusi nelle nostre aspettative. Adesso per la prima volta qualcosa si muove, e l’attività di Coinvolgiamoci rappresenta un’oasi verde nell’arido e desolante panorama imprunetino, dove è raro che le cose si muovano e ancor più raro è che a muoversi siano le nuove generazioni.

Ci auguriamo davvero di poter mettere in pratica alcune delle iniziative di cui abbiamo discusso ieri sera, speranzosi che questo accada anche nell’ottica di un avvicinamento tra Impruneta e Tavarnuzze, distanti da sempre e in quasi ogni circostanza, anche a causa della difficoltà (da noi direttamente sperimentata) per un’associazione di agire da sola nell’altro paese e di farsi conoscere. Saremo ben felici di sostenere i ragazzi di Coinvolgiamoci nel loro percorso, e confidiamo che la cittadinanza riesca ad apprezzare il loro lavoro; auspichiamo inoltre che essi non diventino l’obiettivo di qualche avvoltoio, non entrino cioè nelle mire di partiti e personaggi politici pronti a fagocitarli e a utilizzare la loro forza giovanile per i propri scopi. E’ giusto che questi ragazzi vadano avanti per la loro strada, con le proprie idee, in grado di valutare da soli se rimanere neutrali o se esporsi e prendere posizione. Noi del Collettivo ribadiamo da questa rubrica la nostra mano tesa e il nostro incoraggiamento al neonato gruppo, contenti di vedere qualcuno che vuole coinvolgersi e rassicurati dal sentirci da oggi meno soli nell’impegno giovanile sul territorio.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY