“Il miracolo è compiuto!”: l’Antella vince la Promozione ed il sogno Eccellenza...

“Il miracolo è compiuto!”: l’Antella vince la Promozione ed il sogno Eccellenza è realtà

Con la vittoria contro le Badesse, l'Antella esulta per la vittoria del Girone B

2645
0
SHARE

Poter scrivere questo articolo è un dono.
L’Antella 99 è in Eccellenza, non accadeva dalla stagione 1997-98. Ieri allenava Sarri, oggi Alari.
Con questa rosa: Magnelli, Landi, Meini, Berti, Banoi, Frilli, Mignani, Rossi, Dolfi, Grattarola, Saccardi, Manetti, Galli, Merciai, Mamma, Salsi, Lanaia, Rontini, Castrogiovanni, Brunelleschi, Chiesi, Ferruzzi, Tacconi, Castiglione, Mazzoni. La loro immagine resterà là, in sede o altrove, impressa in uno scatto che sprigiona (e sprigionerà) emozioni, passione, sentimento.

Domenica 7 Maggio 2017, sono le 17:45 circa, l’ora “X”, di quelle da fissare sulla pelle, sta per giungere.
Eccola. Il Sig. Manedo, col fischietto in bocca, decreta la fine…del match, della stagione.
Il primo concluso sul 2-4: dopo il vantaggio locale di Bruni, ci pensano Rontini, Castiglione e due volte Tacconi a portare i tre punti in quel del Peruzzi.
La seconda terminata così, con la vittoria del campionato di Promozione Girone B. C’è chi si commuove, chi non realizza, chi urla e chi si abbraccia. Il miracolo, sportivo e non solo, è compiuto. Il trionfo è realtà.
Chi ci avrebbe creduto a inizio stagione? Nessuno, giocatori compresi. Si parlava di salvezza, di mantenere la categoria, di non finire ai playout. Invece, contro ogni pronostico, i bianco-celesti hanno confermato la grande stagione scorsa (terminata con 2° posto e sconfitta in finale playoff), anzi migliorandola…nell’unico modo possibile: vincendo!
Per di più, in grande stile: miglior attacco con 57 reti segnate e miglior difesa con 26 subite; record di vittorie con 19 su 30; 32 punti nel girone di ritorno di cui 25 nelle ultime 9 giornate (8 vittorie ed un pareggio contro il Laterina). Tacconi e Castiglione con 16 gol a referto ciascuno.
L’altalena del girone d’andata si è evoluta nella costanza del girone di ritorno. Causando dapprima l’inseguimento, dunque la rimonta, infine, ad una giornata dal termine, il sorpasso all’Arno Laterina. Decisivo, insperato, meritato.

E’ lecito non credere.
Chi, però, ha vissuto questa stagione dall’interno, chi ha abitato lo spogliatoio da quel 18 Agosto 2016, non può non credere nel destino, nel suo togliere e nel suo dare, nel suo rendere (in minima parte, sia chiaro) ciò di cui la squadra era stata privata. Simone, ad esempio. A lui, anzitutto, è dedicata questa vittoria, del gruppo, quindi anche sua.
Simo ha vinto due volte quest’anno, in campo e sopratutto fuori, ha sostenuto la squadra da casa mentre la squadra giocava per lui, con lui (indossando la maglietta “Simo siamo tutti con te”). L’Antella e i ragazzi lo aspettano, in Eccellenza.
Poi, a Novembre, un altro dramma: Andrea si schianta in motorino contro una macchina prima di sbattere a terra. E’ grave, in coma a Careggi. L’ansia levigata da buone notizie. Piano piano migliora, per fortuna, fino al definitivo sospiro di sollievo: è fuori pericolo di vita. L’Antella deve a fare a meno del suo giocatore per quattro mesi e, dopo un recupero lampo, lo si rivede in campo a Marzo. Il destino, si diceva…
E’ il 12 Marzo e l’Antella è impegnata nell’ostico campo della Castelnuovese: Andre mette piede in campo, da subentrato, per la prima volta dopo l’incidente; il risultato è di 1-1, serve un gol che sblocchi il match…arriva! Chi lo segna? Andrea Dolfi. Da brividi.

Nella stagione dell’Antella, un match in particolare può dirsi “della svolta”: Subbiano vs Antella 0-1, alla 21° giornata di campionato (6° di ritorno). La Squadra di Alari viene da una sconfitta bruciante contro il Cortona, 5° in graduatoria e vetta a 4 lunghezze. Non far punti in terra aretina significherebbe esser risucchiati nel vortice di metà classifica.
Partita dominata, l’Antella va in vantaggio con un autogol di Corti, poi spreca l’impossibile…fino al minuto 90, errore difensivo e calcio di rigore per il Subbiano. Si batte, poi è finita. Tira Berti, para Magnelli. Ri-tira Berti, ri-para Magnelli, l’uomo-spogliatoio per eccellenza, eroe della domenica.
Da lì, mai più una sconfitta, mai più un passo falso.
Fino a ieri, trionfo conclusivo.

l’assessore Minelli

 

Presente allo stadio delle Badesse anche l’Assessore allo Sport del Comune di Bagno a Ripoli Enrico Minelli, entrato negli spogliatoi a fine match per congratularsi con giocatori e staff antellese. Queste le sue dichiarazioni rilasciate a DCFnews: “Una gran soddisfazione, l’Antella rappresenta una realtà fortemente integrata col territorio, nel quale giovani locali possono giocare e crescere non solo sportivamente. L’Eccellenza è meritata e significa derby, un vanto per il nostro Comune!”

 

 

 

(Clicca sulle foto per vederle nelle immagini originali – Foto di Eleonora Merciai e Franco Goggioli)

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY