LA VITA SOCIALE: ogni volta un vestito diverso?

LA VITA SOCIALE: ogni volta un vestito diverso?

883
0
SHARE

Siamo come tante Matrioske, bambole dentro ad altre bambole sempre più piccole, contenitori che si assottigliano a seconda delle esigenze e delle sfere sociali. Acuto e intenso lo sguardo di Neri Piras che ci trasporta dentro il difficile mondo dei contatti umani, fatti di attività, comunicazioni, ubbidienze, patteggiamenti sottili che dovrebbero essere scambi. A volte il tutto sfinisce ma poi non ci sono altre scelte che rimettersi in testa il primo involucro e decidere con quale tempistica e metodologia sfoderare gli altri.

Sabrina Merenda

i-classici-da-leggere-almeno-una-volta-nella-vita_aa8f74913b297d75fa12b0d2284c2c29

Oscar, 16 anni– LA VITA SOCIALE è una vita dentro la vita, che si interseca dentro le vite, che dovrebbe migliorare la vita.

La vita sociale riesce difatti a cambiarti a seconda delle occasioni e non è difficile accorgersene ma più che altro accettarlo. L’alta qualità della competenza umana è riuscire a dividere la vita, una sfera enorme, in piccole sfere, dove entrare ogni volta con un vestito diverso. Un fenomeno sociale che non si ferma qui, continuando, come sotto una pressa a rimpicciolire le sfere fino a minimizzarle e ridurle in particelle microscopiche, dove l’individuo deve adattarsi. Elencare tutte queste sarebbe devastante per il lettore.

Compito del reporter, rintracciare le sfere più comuni, giornaliereSe il reporter è adolescente sceglierà come primo campo di indagine la scuola: nei sogni di tutti ambiente sano e socievolmente evoluto senza tensioni. Ma basta trovarsi pochi passi lontano dal luogo comune per scoprire che colui che la pensa diversamente può precipitare sotto lo stesso specchio degli incantesimi che si è rotto. Ritrovandosi sotto la vita sociale.

Niente di male è una ruota che gira, c’è chi si trova sotto e chi sta in cima, poi ci sono quelli che scordano di comprare il biglietto. Ed ecco che il giovane adolescente potrebbe decidere di avere una vita sociale al massacro, senza essere sociale, oppure decidere di vestirsi finalmente da solo, con volti, espressioni, modi di fare propri senza compromessi sociali. Altre sfere sono lo sport, o il tempo del passeggio con gli amici, e il tutto porta vantaggi ma ti sfinisce. Devi sempre star attento con chi parli, cosa dici e indirizzare il messaggio in verticale o orizzontale a seconda dell’espressione che ne ricevi. Tutto viene misurato in un’equazione. Il pastore del gregge ti sembra buono e invece è il lupo e il lupo spesso considerato selvaggio è quello con il quale diventa bello perfino ridere.”

Claudia 15 anni– “LA VITA SOCIALE è Faticosa e pericolosa ma non come la alienazione.”

Neri Piras vi saluta e confida in una svolta tutta vostra.

SHARE
Previous article25 Aprile: Olimpiadi dei Ragazzi a Grassina
Next article“Non mi lasciate in macchina!”
2 Media, anni 13; SEGNI DI RICONOSCIMENTO: mi piace esser notato. CARATTERE: sono molto alto, quasi due metri, quando mi sogno. Dunque sogno. Mi dicono che sono intelligente ma se usassi almeno il trenta per cento del mio intelletto, inizierei a levitare. Sono fondamentalmente un giocherellone, però serio nelle giuste occasioni. Sicuro di me e delle mie decisioni. Scrivo sulla Rubrica Gli Sprecati perché sono ormai parte della Geniuspen e perché voglio adattare il mio scrivere ad ogni occasione.

NO COMMENTS