La ‘Roba’ per Mazzarò

La ‘Roba’ per Mazzarò

dall’analisi della novella del Verga all’avidità umana

3287
2
SHARE

Non poteva mancare un pezzo come questo, in un momento molto vicino alla Maturità, dove migliaia di studenti si cimenteranno nella stesura del testo breve o nell’ analisi del testo. Qui Conny Bu, ci propone un assaggio della sua analisi, pronta a dissacrare ciò che per molti è una virtù, l’attaccamento ai beni materiali. Anche il Verga non si contenne dal descrivere con metodica destrezza il personaggio avido di ‘roba’ di nome Mazzarò. E voi da che parte del difetto state: avarizia o leggerezza? E se la soluzione stesse semplicemente nella capacità di donare e lasciare?

Sabrina Merenda

Van Gogh - Natura morta con paio di scarpe

Verga ci presenta il personaggio di Mazzarò ormai giunto al termine della sua vita. La sol cosa che lo fa terribilmente arrabbiare è il pensiero di dover abbandonare i suoi beni: la ‘roba’. Ha accumulato tutto con sacrificio e inganno ma potrebbe una volta giunto alla fine dei suoi giorni rassegnarsi. Invece è ossessionato dalla paura di lasciar la ‘roba’ per sempre e non sopporta l’idea di lasciarla a qualcuno, tanto da non godersela. Guidato dalla follia, immagina di trasportarsi i terreni nella tomba con lui.

In fondo non è difficile comprendere questo estremo personaggio incapace di legarsi affettivamente a qualcuno e legato in modo compulsivo al suo passato di sacrifici e rinunce; alla terra in particolar modo. Un personaggio caratteristico del pessimismo ‘verghiano’ tipico delle Novelle Rusticane, dove il destino gioca un ruolo determinante nella vita dei protagonisti. Mazzarò, infatti, nonostante la devozione ossessiva verso i propri beni, viene tradito dalla vita, che gli impedisce di apparire come un eroe, trasformandolo in una figura ridicola. Ecco che diventa un personaggio vinto dalla sorte, nonostante la caparbietà con cui ha tentato di raggiungere il successo.

Del resto, il Verga, ci porta direttamente dentro il Ciclo dei Vinti, in cui i protagonisti lottano contro un’esasperata sicurezza. Tutti questi personaggi, credono nel miglioramento della propria condizione sociale e morale ma poi cadono davanti allo sfumare dell’obiettivo, che li riporta inevitabilmente alla condizione di partenza. Ecco che il Verga vuole dirci come è inutile accumulare, vivere di ricchezze, evoluzioni apparenti e materiali, perché prima o poi ci si ritrova a dover far dei compromessi con la sorte. Compromessi ai quali Mazzarò non cede. Per Verga, possono riuscire a riscattarsi solo coloro in grado di reagire creandosi nuove alternative, adattandosi alla vita di volta in volta, senza cronicizzazioni.

Ecco che invece l’avidità e l’attaccamento eccessivo, fanno della ‘roba’ la vera protagonista e alchimista stregona della vita di Mazzarò, così come dell’esistenza di chi si lascerà risucchiare da questa.

2 COMMENTS

  1. I jazz been exploring for a bit for any high-quality articles or journal posts on this benign of place . Exploring in Character I eventually stumbled upon this website. Studying this message So iЎ¦m mitigated to evince that I know an unbelievably saintly unnatural opinion I launch out just what I needful. I such a lot definitely testament get definite to do not omit this website and provides it a bounce regularly

  2. You are so interesting! I do not judge I jazz show anything equal that before. So large to comprehend somebody with a few new thoughts on this income. Seriously.. thanks for play this up. This position is something that’s requisite on the web, someone with a bit of originality!

LEAVE A REPLY