Dal tallone d’Achille alla ‘medicina quotidiana’ del nuoto

Dal tallone d’Achille alla ‘medicina quotidiana’ del nuoto

1056
0
SHARE

Avete mai provato ad adattare la deambulazione alla ‘Tallonite’? Costringendovi così ad assumere posture sbagliate o comportamenti errati, in modo da non sentire dolore o non poggiare tutto il peso sul tallone? Se lo avete sperimentato, cambiate rimedio e seguite l’articolo informativo e pratico di Classe…ci propone infatti un rimedio naturale di sospensione, descrivendo l’interessante esperienza di Asdrubale. L’informazione si serve così della parte narrata e la Narrativa diventa informazione.

Sabrina Merenda

626531-358121

Asdrubale racconta di come ha iniziato a fare nuoto, in conseguenza di un problema ai talloni. Una forte infiammazione gli proibiva addirittura di appoggiare il piede per terra e di svolgere attività semplici come camminare o stare molto in piedi. Il medico, era così giunto ad uno dei più funzionanti metodi naturali: il nuoto, l’unico sport in grado di bilanciare il peso del corpo senza appoggiarlo sui piedi, evitando uno sforzo eccessivo dei talloni.

“Tutto è iniziato da questo problema fisico per trasformarsi, non solo in un magico rimedio sportivo ma anche in una quotidiana esperienza di vita”.

Così Asdrubale ha continuato a nuotare e dopo la prima gara ha visto risultati soddisfacenti, volendo ottenere sempre più in prestazione sportiva e tecnica. Sono passati dieci anni e nuota ancora. Non è il classico nuotatore sfegatato che non sogna altro di superare le vasche dell’avversario ma nuota, con piacere, senza sacrificio e la consapevolezza che il fisico e la mente ne senta giovamento. In questo modo il nuoto per lui è una ‘medicina della salute quotidiana’. A differenza di Sten che invece di pensare a nuotare ha le staffette per la testa e sta male se non vince. Sarà mica questo il vero tallone d’Achille di Sten?

SHARE
Previous articleLa ‘Roba’ per Mazzarò
Next articleAngeli del bello: obiettivo Ponti
I.T.I.S Meucci, 2° Superiore, anni 15; SEGNO DI RICONOSCIMENTO: angioma sull’occhio sinistro CARATTERE: ho imparato ad andare in moto perché il vento che mi passa ovunque rappresenta il mio spirito libero, inoltre, slittando ho affinato la concentrazione. Ho un carattere agitato e lo sport mi aiuta a scaricarmi. Scrivo sulla Rubrica Gli Sprecati perché frequento da sempre la Geniuspen, dove la scrittura mi permette di scrivere di sport e dinamiche varie, riferite al mio mondo di adolescente.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY