(Video) Eccellenza, punto d’oro per l’Antella: c’è chi dice no…è D’Ambrosio, il...

(Video) Eccellenza, punto d’oro per l’Antella: c’è chi dice no…è D’Ambrosio, il para-rigori!

Contro la Lastrigiana finisce a reti inviolate per merito dell'ipnotico numero uno antellese.

452
0
SHARE

Eccellenza, 10° giornata
LASTRIGIANA vs ANTELLA 99 0-0
LASTRIGIANA: Muscas, Banchelli(86°Del Pela), Corradi(22°D’Angelo), Lenzini, Calonaci, Biondi, Bettazzi(62°Terzani), Scardigli(62°Bellini), Pagnotta, Rosi, Caggianese M.. A disp.: Mino, Ambrosino, Cordioli, Barra, Fantoni. All.: Calderini Stefano
ANTELLA 99: D’Ambrosio, Bani, Grattarola, Bigalli, Corsetti, Vitale, Castellani, Tacconi, Picchi, Olivieri, Turchi. A disp.: Papi, Manetti, Marangon, Dilaghi, Posarelli, N’dri, Merciai, Dolfi, Mignani. All.: Stefano Alari. 

Arbitro: Sig. Mancini Duccio della sez. di Pistoia
Assistenti: Sig. El Mouine Yassine e Sig. Ballotti Andrea della sez. di Pistoia
Ammoniti: 26°Caggianese(L), 57°Biondi(L), 60°Picchi(A), 64°Vitale(A), 89°Bani(A), 90°Castellani(A)

L’intervento decisivo di D’Ambrosio sul rigore di Pagnotta. Per le immagini ringraziamo Fabio Vanzi e l’asd Lastrigiana.

L’Antella 99 sfida sul manto sintetico de “La Guardiana” la squadra più in forma del campionato, quella Lastrigiana guidata dall’esperto Calderini in striscia positiva da cinque giornate e terza in campionato sulla scia di Badesse e Porta Romana. Squadra in salute anche quella allenata da mister Alari, con meno punti ma ben sei risultati utili consecutivi alle spalle.

La partita che esce dal cilindro, in realtà, non è proprio una magia da lasciare a bocca aperta: nel bunker claustrofobico dei bianco-rossi, infatti, gli spazi per arieggiare ed inventare giocate importanti sono minimi e le difese hanno vita piuttosto facili sulle sparute manovre offensive. Il primo tempo, perciò, vive sul filo dell’equilibrio e di emozioni che si contano sulle dita di una mano: la punizione di Turchi che attraversa l’area mettendo a rischio il battito regolare di Muscas e il controbalzo di Pagnotta che muore a lato della porta. Niente più.

Ben più una viva ripresa che arride – non nel risultato – ai locali.
La compagine di Calderini spinge il piede sull’acceleratore, il più pesante ce l’ha senza dubbio Caggianese, funambolo a tratti imprendibile. E’ lui a guadagnarsi le palle inattive dalle quali nascono le occasioni più limpide della gara: una prima punizione dal limite ribattuta dalla barriera, una seconda respinta provvidenzialmente dal gambone peloso di Vitale. 

Poi l’azione clou della contesa, giunta al minuto 80 circa: ancora Caggianese si defila sull’out mancino, passando per l’area di rigore. A seguito c’è Castellani, i due corrono appaiati fino alla caduta dell’attaccante di casa, accentuata quanto basta per convincere Mancini a sentenziare il calcio di rigore. 

Sul dischetto va bomber Pagnotta: rincorsa, conclusione di destro….parata! D’Ambrosio ha intuito e respinto, candidandosi alla palma di DCFNews man of the match. La palla sbatte per terra e si impenna, resta in area ancora per due-tre secondi dunque viene spazzata da Castellani. E’ l’emozione più tachicardica del match, rimpianto della Lastrigiana e ancòra di salvezza dell’Antella, prima del triplice fischio finale.

Entrambe continuano a non perdere e restano in coda alla coppia di vertice: i bianco-rossi a quota 17, a soli tre punti dalla vetta e l’Antella, al quinto 0-0 di stagione, a quota 15 nel bel mezzo di una classifica pericolosamente corta.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY