“Favole per Irene”, di Enrico e Filippo Zoi alla Biblioteca di Impruneta

“Favole per Irene”, di Enrico e Filippo Zoi alla Biblioteca di Impruneta

Appuntamento venerdì 21 dicembre alle 17.30

358
CONDIVIDI

 

La Strega Buggerona, lo Zampacchione Giallo, la Bolla Gedeona: sono alcuni degli incredibili personaggi protagonisti delle Favole per Irene (Sarnus, pp. 64, euro 7), il coloratissimo libro firmato da Enrico e Filippo Zoi che sarà presentato venerdì 21 dicembre 2018, alle 17.30, a Impruneta (Firenze), presso la Biblioteca Comunale di piazza Buondelmonti 40/41.

Con gli autori e con Irene Zoi, ispiratrice delle favole, interverranno l’assessora alla pubblica istruzione del Comune di Impruneta Sabrina Merenda, lo psicologo e psicoterapeuta Patrizio Batistini, presidente dell’ASA – Associazione Sindromi Autistiche, destinataria del ricavato delle vendite del libro, e l’editore Antonio Pagliai.

Enrico Zoi, giornalista e scrittore, ha raccolto nel volume sei storie dedicate alla figlia Irene, classe ’91. “Sono molto curiosa”, racconta oggi Irene, “quando ero bambina volevo sempre sapere qualcosa di più, qualcosa di mai sentito. E il babbo era sempre pronto a inventare nuove fiabe”.

Autore delle illustrazioni è il fratello di Irene, Filippo, giovane adulto rientrante nello spettro autistico dalle grandi doti artistiche. Nato nel 1996, ha già all’attivo alcune mostre personali e collettive, tra cui la recente rassegna internazionale L’arte risveglia l’anima.

“Enrico”, spiega Patrizio Batistini, “riesce con maestria a far irrompere il ‘fantastico’ nel quotidiano, creando attesa, stupore e senso di meraviglia. I disegni di Filippo si impongono e colpiscono per l’essenzialità e per la generosità dei colori. Ho fatto leggere le fiabe ai miei figli e ne sono rimasti letteralmente conquistati!”.

“Amerò per sempre i ‘ bambini nella luna’ – dice l’assessora Sabrina Merenda -, nati per mettere ogni uomo davanti a esigenze di creare codici di accesso diversi, chiavi di lettura svariate, in grado di rompere silenzi infiniti o placare urla terribili. In fondo sono solo lo specchio dei nostri istinti primitivi o del nostro immobilismo materiale, con la differenza che qualcosa di percettibile vibra in loro, simile ad un’anima chiusa in un barattolo, che tentenna appena sollevi il tappo. Sta a noi non farla volare ma trattenerla nel limite del possibile. Allora ombre, disegni, pitture si presenteranno come quei risultati inaspettati che una cultura ovvia non può creare. Ecco che questo autore illustra imprevedibilmente ciò che un occhio consueto non può vedere. Intanto Irene fa della Cultura e della consona parola un mondo di curiosi enigmi da risolvere e racconti da capire. Le favole servono a questo, ad unire due mondi apparentemente lontani, ma figli della stessa luna”.

Favole per Irene (Sarnus, pp. 64, euro 7), di Enrico e Filippo Zoi, venerdì 21 dicembre 2018, alle 17.30, a Impruneta (Firenze), nella Biblioteca Comunale di piazza Buondelmonti 40/41

CONDIVIDI
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.