IL FAVOLOSO MONDO DI GIULIA LOMBARDO

IL FAVOLOSO MONDO DI GIULIA LOMBARDO

STORIA DI UN’ILLUSTRATRICE NOSTRALE

2621
0
SHARE
map of Florence - tutti i diritti riservati

Chi può negare di essersi incantato da bambino a guardare le illustrazioni del proprio libro di favole preferito? Scatenava la nostra fantasia e ci faceva perdere dentro a mondi fantastici. Ma chi sta dietro le quinte di quegli straordinari disegni, e solo apparentemente così semplici?  Sono gli illustratori, e a Bagno a Ripoli possiamo vantarne una di tutto rispetto!

Si tratta di Giulia Lombardo, ripolese, classe 1991. Con lei facciamo due chiacchiere per capire “i segreti del mestiere” e il suo percorso.

Giulia, da sempre appassionata di disegno, ha coltivato la sua passione dopo il liceo, iscrivendosi all’accademia di arti digitali NEMO, seguendo lezioni di disegno tradizionale e digitale.

Si è diplomata con il massimo dei voti realizzando in ogni sua parte un libro illustrato con il quale ha vinto anche il premio speciale per la miglior locandina cinematografica. Finita la scuola, ha intrapreso un corso di web design per poi buttarsi a capofitto nei suoi primi progetti: un coworking per uno studio di grafica e la collaborazione con BE TOP STORE, negozio con sede in via Gian Paolo Orsini, per il quale Giulia crea grafiche realizzate a mano per le T-shirt.  Ma i progetti più importanti sono iniziati ad arrivare con la partecipazione alla Bologna Children’s Book Fair, il più importante appuntamento internazionale dedicato allo scambio di copyright di libri per bambini e ragazzi. Qui gli illustratori possono proporsi di fronte a editori, agenti letterari, produttori televisivi e cinematografici e società di servizi collegate all’editoria. Giulia ci racconta con l’emozione negli occhi di essere stata allora contattata per la prima volta da una casa editrice inglese per un libro illustrato di Therapeutic sticker art, e cioè un libro che contiene immagini da ricomporre a proprio piacimento usando gli stickers adesivi posti in fondo al volume. Il libro è uscito lo scorso aprile in Inghilterra ma Giulia, inarrestabile, ne ha realizzati nel frattempo altri cinque -di cui uno in esecuzione- per un pubblico di piccoli: un libro di “trova le differenze”, un “pictures puzzle“ e due “scratch and draw”, libri composti da fogli speciali, colorati e ricoperti di uno strato nero che i bambini devono grattare per creare delle forme seguendo i disegni d’esempio creati da Giulia.

13389321_10210341939568987_1070842034_o
Giulia Lombardo

Con il nuovo anno è arrivata l’occasione per mettersi in proprio: infatti, oltre ad aver aperto uno studio tutto suo con la compagna di studi Arianna Bellucci anche lei illustratrice, ma di videogiochi, ha avviato una collaborazione con l’agenzia americana Astaund con sede niente meno che a Manhattan. L’agenzia lavora con cinquanta illustratori contemporanei per bambini selezionati in tutto il mondo e li propone sul mercato dell’arte commerciale internazionale e in quei cinquanta c’è anche la nostra Giulia! Niente male per una venticinquenne, eh?!

Quali sono quindi le caratteristiche necessarie per avere successo come illustratrice? Giulia risponde così: «la fantasia ovviamente, ma anche una grande forza di volontà. Spesso non è facile, occorre lavorare sempre al proprio repertorio, mantenendo comunque fedeltà a un preciso stile. Per me, fare illustrazione è raccontare una storia in un’unica immagine e poterlo fare mi rende felice. D’altra parte com’è il detto?  “Fai un lavoro che ti piace e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la vita!”»

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY