Impruneta, quanto tempo per un’area cani? Una nuova mozione di Cittadini Per...

Impruneta, quanto tempo per un’area cani? Una nuova mozione di Cittadini Per e M5S

118
CONDIVIDI

Area Cani ad Impruneta, da quanto se ne parla?
I primi a sollevare la questione furono anni or sono i ragazzi del Collettivo Giovani Impruneta, sembrava qualcosa di fattibile e realistico, ancora al contrario gli imprunetini la chiedono ed aspettano. Gli ultimi a riprendere il tema sono i gruppi consiliari di opposizione Cittadini Per e Movimento 5 Stelle, rappresentati in CC da Alessandro Giovannini, Gabriele Franchi e Gerardo Patruno.

“Uno dei problemi più atavici ed allo stesso tempo più semplice da risolvere nel nostro Comune è quello di adibire due spazi ad un’area cani. Dato che è una mancanza molto sentita dai cittadini, è stata presentata nuovamente una mozione congiunta dai gruppi consiliari Cittadini Per e MoVimento5Stelle, alla quale hanno lavorato il Consigliere Gabriele Franchi e la Coordinatrice del MoVimento Flavia Maurri. In tale mozione si chiede di portare la questione all’analisi della Commissione Consiliare al fine di valutare i costi e le modalità di realizzazione di due aree cani, una ad Impruneta e l’altra a Tavarnuzze. La mozione riprende le due già approvate dal Consiglio nella passata legislatura, oltre a tutto il lavoro prodotto riguardo al sentito tema area cani dal 2013 ad oggi.”

Nel dettaglio la mozione premette che

  • Il 21 Dicembre 2013 il Collettivo Giovani Impruneta sollevò nel nostro Comune la questione aree cani lanciando l’iniziativa del “Dog Day”, una raccolta firme per chiedere all’Amministrazione di realizzare un’area cani all’Impruneta ed una a Tavarnuzze; tale petizione portò alla raccolta di oltre 200 firme, un numero considerevole che mise in luce, come il problema di uno spazio dedicato ai cani fosse fortemente sentito all’interno del Comune.
  • Nei primi mesi del 2014 la Consigliera del Partito Democratico Lucilla Lepri si interessò alla questione ed ebbe un incontro con il Collettivo Giovani.

Tale interessamento portò Lepri, nel Novembre 2014, a presentare un’interpellanza sull’argomento Area cani.

  • Il 4 Giugno 2015 fu approvata in Consiglio Comunale la mozione presentata dalla Consigliera Lepri insieme alla Consigliera Caterina Guidi (anch’ella del PD).

Nella mozione si chiedeva di realizzare un’area cani ad Impruneta ed una a Tavarnuzze.

  • Nonostante la mozione fosse stata approvata in Consiglio, rimase inattuata sia nel 2015 che nel 2016.

Fu dunque dai banchi delle opposizioni che venne risollevato il problema: il 2 Maggio 2017 il capogruppo del Coraggio di Cambiare, Riccardo Lazzerini, presentò una nuova mozione nella quale si chiedeva di individuare un luogo o più luoghi idonei alla realizzazione di due aree cani all’interno del Comune, specificando di dover completare l’attuazione delle due aree cani entro 6 mesi dall’ approvazione della mozione.

L’atto fu approvato con il voto favorevole dei 5 Consiglieri di opposizione e del Consigliere Bartoli, mentre il resto della maggioranza si astenne.

  • Anche in questo caso, però la volontà del Consiglio Comunale non ebbe una traduzione in concreto. Per quanto ritirata fuori dal Collettivo Giovani e da altre forze politiche, la questione aree cani rimase in sospeso. Alla latitanza delle istituzioni si è contrapposta alcuni mesi fa, l’iniziativa dei cittadini: Alice Falleri, dando voce ad un gruppo di residenti di Tavarnuzze, ha infatti lanciato, a fine Febbraio, una petizione online per chiedere di realizzare una o più aree recintate destinate allo sgambamento dei cani.

Nella raccolta firme, indirizzata a Sindaco e Polizia Municipale, viene manifestato il disagio conseguente alla mancanza di uno spazio dedicato ai cani e si sottolinea l’importanza che avrebbe per far socializzare gli animali, evitando di creare pericoli per loro stessi e per gli altri cittadini.

CONSIDERATO CHE:

L’esigenza di avere nel proprio territorio degli ambienti per i cani è ai giorni nostri particolarmente sentita e che rispetto ai Comuni limitrofi quello di Impruneta è rimasto indietro anni luce; per fare degli esempi molto vicini a noi, basti pensare al Comune di San Casciano, o a quello di Greve in Chianti, oppure a quello di Bagno a Ripoli. Tutti questi Comuni hanno al loro interno delle aree cani, persino anche in piccole frazioni come Grassina o il Ferrone.

Eclatante è il caso di Scandicci, che da Agosto 2013 a Maggio 2014, in soli 10 mesi dall’approvazione dei progetti in giunta, ha realizzato ben 6 aree cani, una per ogni quartiere cittadino.Tutte queste aree sono provviste di recinzione idonea, panchine per i padroni, fontanelle e cestini per la raccolta delle deiezioni. Non avere aree cani rappresenta un disagio molto grave per i tanti proprietari di questi animali che vivono ad Impruneta. Sono in parecchi, infatti, coloro che devono “emigrare” per poter lasciare liberi all’aperto i propri amici a quattro zampe; una delle mete preferite è il Galluzzo, il quale ha la disponibilità di avere 2 aree cani in una distanza ridotta.

Ad aggravare la vicenda vi sono le 2 mozioni approvate e mai attuate di questi anni. Un simile atteggiamento svilisce il ruolo del Consiglio Comunale e frustra i cittadini, che non sentono di aver esercitato alcun potere attraverso l’elezione dei propri rappresentanti nel Palazzo Politico. Chiediamo dunque che venga ripresa la strada tracciata dalle due mozioni già approvate, rispettando il voto consiliare e ripartendo da quei testi per l’impostazione del lavoro.”

La mozione si conclude invitando il Consiglio Comunale a “destinare all’analisi in sede di commissione la proposta di realizzazione di una o più aree cani all’interno del Comune di Impruneta, così da poterne valutare l’ubicazione, i costi effettivi e la possibilità di ricorrere al finanziamento di privati per sostenere la realizzazione dell’opera. Nella commissione dovranno essere presenti i tecnici e l’Assessore ai lavori pubblici, al fine di poter avere una spiegazione sui ritardi sino ad ora accumulati e poter contribuire all’analisi di un progetto concreto e realizzabile entro breve termine. “

CONDIVIDI
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.