Impruneta piange Giampiero Rogai: era il presidente e l’anima del Comitato Parco...

Impruneta piange Giampiero Rogai: era il presidente e l’anima del Comitato Parco della Rimembranza

La vicinanza dell?Ente Festa dell'Uva ed il ricordo del "suo" comitato: "Fin d’ora Giampiero ci lascia anche l’impegno a onorare e mantenere viva la sua memoria"

898
CONDIVIDI

Giampiero Rogai se ne è andato questa mattina, lunedì 6 maggio. Impruneta piange un suo cittadino di riferimento, attivo nel mondo dell’associazionismo paesano, nell’universo cattolico imprunetino e nella Misericordia. Una breve e crudele malattia l’ha portato via all’età di 61 anni – era nato il 5 ottobre del 1958 -, dopo una sofferenza di circa quattro mesi. Giampiero era stato un imbianchino e adesso, a proposito del suo attivismo sociale, era Presidente del Comitato Parco della Rimembranza, nato per dar degna riqualificazione ad un luogo di storia e ricordo per Impruneta e gli imprunetini.

Il 29 marzo scorso, tra le ultime iniziative riguardanti il Comitato, Giampiero ed il Presidente dell’Ente Festa dell’Uva Riccardo Lazzerini, avevano organizzato la presentazione dei progetti dei quattro rioni imprunetini, al Circolo S. Giuseppe, con il ricavato devoluto proprio al mantenimento del Parco della Rimembranza. L’Ente Festa dell’Uva ed il suo presidente Lazzerini esprimono la massima vicinanza alla famiglia e al Comitato Parco della Rimembranza per il bel ricordo lasciato da Giampiero.

Ad omaggiare Giampiero anche la “sua” associazione: “Giampiero era l’anima del Comitato. Attivo inoltre nell’associazionismo cattolico, nel volontariato assistenziale della Misericordia di Impruneta e nella Protezione Civile. Il 26 marzo 2015, quando si è costituito il Comitato, Giampiero con la sua istintiva apertura e disponibilità, e con la fiducia che ha ispirato, ha saputo aiutare le associazioni di Impruneta, ben undici associazioni, a superare i particolarismi, che conosce bene chi vive in un paese.

Il risultato delle sue capacità e della sua tenacia è ben visibile a tutti. Il Comitato saluta un caro amico, di cui ciascuno di noi conserva un ricordo importante. Un amico che se n’è andato troppo presto. Fin d’ora Giampiero ci lascia anche l’impegno a onorare e mantenere viva la sua memoria, tenendo in vita e perseguendo l’obiettivo del Comitato, nel nome della nuova unità fra le associazioni del territorio di cui Giampiero è stato importante testimone. L’abbraccio di tutti noi va ai familiari, in particolar modo alla moglie Silvia e ai figli Giulio e Stefano, che ci vedranno uniti nel fattivo ricordo. Impruneta, 06 Maggio 2019

CONDIVIDI
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.