Impruneta, Franchi di Cittadini Per: “A Quintole e Baruffi il famigerato cane...

Impruneta, Franchi di Cittadini Per: “A Quintole e Baruffi il famigerato cane è ancora una minaccia, cinque mesi dopo la prima aggressione…”

159
CONDIVIDI

Di seguito il comunicato stampa del consigliere comunale di Cittadini Per Impruneta Gabriele Franchi in merito al cane aggressivo che vaga per le strade di Quintole e Baruffi:

 

“In questi primi giorni di aprile Quintole e Baruffi festeggiano un triste anniversario, ovvero i cinque mesi dalla prima aggressione del cane bianco uscito dalla propria proprietà e divenuto padrone della zona. La vera notizia sta purtroppo nel constatare come ancora, nonostante gli oltre 150 giorni trascorsi, il famigerato cane sia ancora una minaccia quotidiana per questa area di Impruneta, e che invece di essere accalappiato si veda adesso “supportato” da altri cani che vagano liberi per Quintole e Baruffi. A dire ciò non è il sottoscritto né la nostra eversiva forza politica, ma sono i residenti, esasperati da una situazione per la quale era stata promesso loro un risolutivo intervento e che invece si è incancrenita sino a diventare la normalità. Dopo i primi due mesi di aggressioni nel più totale silenzio delle autorità, eravamo stati noi a sollevare pubblicamente la questione all’inizio di febbraio, prima con un’interrogazione consiliare e poi con un comunicato stampa.

In seguito alle dichiarazioni dell’Assessore Cioni, che garantì la massima efficienza da parte sua e della Polizia Municipale, decidemmo come era giusto di dare fiducia alle istituzioni e di osservare l’evolversi della situazione. Trascorsi altri due mesi, ci troviamo a constatare come purtroppo niente sia cambiato, nonostante la roboante propaganda. Nel consiglio comunale del 26 marzo ho sollevato la questione pur non essendo all’ordine del giorno, e adesso come gruppo ci vediamo costretti a uscire di nuovo sui giornali. Ciò non ci gratifica né ci piace, perché è il segno che la situazione è sempre la stessa: siamo però costretti a farlo, per dare voce a tutti quei residenti che vivono nel terrore quotidiano, che non sono più liberi di passeggiare tranquillamente nelle proprie strade.

Nelle ultime settimane più persone hanno avuto nuovi incontri ravvicinati con il cane, con conseguenze molto negative in primis sulla loro serenità. Come è possibile tutto ciò? Questa storia rende il nostro Comune una barzelletta, sia per il tempo che oramai si accumula sia per gli indizi molto chiari riguardo alla proprietà dell’animale, nonostante i quali permane una inaccettabile negligenza. Sperando che questo debba essere il nostro ultimo comunicato sull’argomento, sollecitiamo di nuovo Polizia Municipale e Assessore ad un intervento risolutivo, con l’augurio anche che l’Assessore Cioni possa avere un tono ben diverso su tale questione da quello che ha avuto in passato nei nostri confronti e nei confronti dei residenti: da cariche pubbliche dobbiamo sempre ricordarci che siamo noi al servizio dei cittadini, e non viceversa.

CONDIVIDI
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.