In difesa del Cotto di qualità: arriva ad Impruneta il marchio CAT

In difesa del Cotto di qualità: arriva ad Impruneta il marchio CAT

865
0
SHARE

 

Come espresso nelle dichiarazioni introduttive del Primo Cittadino Alessio Calamandrei nel Consiglio Comunale di martedì scorso, il famigerato Marchio CAT, sogno proibito degli artigiani del Cotto, giungerà nell’arco delle prossime settimane anche ad Impruneta. La speranza è di inaugurarlo e porre il primo marchio di Ceramica Artistica Tradizionale nel contesto di Buongiorno Ceramica, manifestazione in programma tra 2 e 4 Giugno.

Come da comunicato stampa, “Il sindaco Alessio Calamandrei ha partecipato ieri a Roma all’assemblea annuale dell’Aicc (Associazione Italiana Città della Ceramica), di cui fa parte anche il Comune di Impruneta.

L’assemblea, durante la quale è stato approvato il bilancio previsionale del 2017, è stata l’occasione di confronto per gli eventi che ciascun comune intende realizzare in occasione della terza edizione di ‘Buongiorno Ceramica!’, festa della Ceramica che si terrà il prossimo 2, 3 e 4 giugno. Auspicando che, per tale data, le aziende che ne hanno fatto richiesta possano ottenere il marchio della Ceramica Artistica e Tradizionale di Impruneta, marchio che l’amministrazione comunale intende inaugurare proprio nell’àmbito di tale manifestazione.

Nel corso dell’assemblea è stato inoltre tributato un caloroso saluto al sindaco di Castelli (Teramo), Rinaldo Seca, comune associato fortemente colpito dal sisma dello scorso ottobre. Tutte le amministrazioni si sono impegnate a farsi promotori di iniziative (simboliche e non) per aiutare la cittadina abruzzese; in particolare è emersa l’ipotesi di istituire una borsa di studio a favore di giovani residenti sul territorio, anche per tentare di arginare la dispersione di popolazione che sta colpendo l’intera area.”

 

A completamento della notizia, va ricordato come l’assenza ingiustificata del provvedimento inserito nel 1990, è stato da sempre considerato come un grave limite alla tutela del prodotto di qualità realizzato con la terracotta imprunetina. Non poter marchiare CAT ha significato in questi anni non poter controbattere alla vendita di oggetti di cotto non autentici, non tutelarsi da un gioco al ribasso (per prezzo e qualità), non ovviare  al danno d’immagine procurato da chi marchiava Cotto di Impruneta pur senza esserlo realmente. Ora, finalmente, tale negativo andazzo terminerà.

Torniamo da Roma fortemente motivati e soddisfatti – dice il sindaco -. Il Marchio Cat, riconoscimento assai atteso (ha ben 27 anni di età, quindi si può proprio dire finalmente!) ed importante, arriverà presto anche a Impruneta, a tutela e valorizzazione delle fornaci di Impruneta, una ricchezza artigianale e imprenditoriale da sempre nel cuore e al centro del nostro territorio e delle sue più belle energie produttive e creative. La nostra amministrazione seguirà da vicino ogni tappa di questo percorso, rimandando e invitando aziende e comunità all’appuntamento con ‘Buongiorno Ceramica!’”.

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY