Il mistero di Via di Cappello…

Il mistero di Via di Cappello…

323
CONDIVIDI

Un mistero… Una strada con un punto interrogativo… Un giallo che a quanto pare sembra irrisolvibile… Chissà cosa si nasconde in via di Cappello che non permettere la sua riapertura… Forse nel Traballesi è stato avvistato il fratello gemello del mostro di Loch Ness? Forse sotto quell’asfalto sono stati ritrovati dei reperti archeologici? O Forse c’è un giallo da risolvere? Bah, chi lo sa…

La butto sull’ironico perché io non me ne capacito e la situazione mi disgusta, è diventata quasi tragicomica, più “tragi” che “comica” però.
Sono più di 3 mesi che via di Cappello è chiusa; la data della riapertura di quella benedetta strada è slittata di mese in mese e questa cosa mi fa girare molto gli zibidei, per non dire altro. Per arrivare a San Casciano c’è da fare tutto il giro panoramico del paesello, ma che vi pare una cosa normale? Io quella strada la faccio ogni tre per due e per chi ha spesso i minuti contati è un casino, per non parlare della benzina vero, ce la regalano…
L’Impruneta più che il paese del cotto al momento mi sembra il paese dei cantieri aperti.
Io sono allibita, ma che cappero di lavori stanno facendo lì? Il Duomo? Un’autostrada? Un tunnel sotterraneo? Una piscina? Cioè, veramente roba dell’altro mondo… Che poi la domanda mi sorge spontanea: ma c’è qualcuno a lavorarci in quella strada? Perché dalle foto che vedo sui social mi pare che non ci sia anima viva.

Al momento la viabilità imprunetina FA SCHIFO, semafori in ogni dove, strade chiuse, dove ti giri c’è un cantiere, ma dove siamo?
Ma poi se c’è una cosa che mi fa andare in bestia è il “rimandare”. Perché se da subito ci dicevano che quella strada sarebbe stata chiusa per tot tempo per lavori specifici e grossi allora sarei stata zitta (forse!), ma così, spostare la data della riapertura di mese in mese mi pare una presa per i fondelli, vi dico proprio come la penso. Che poi dico, mettete un semaforo almeno, (tanto uno in più o uno in meno non fa la differenza) così da permettere a tutti noi di poterla percorrere senza dover fare il giro delle sette chiese.
Quando la riapriranno (se la riapriranno) non ci dovrà essere nemmeno mezza buca, nemmeno un minimo dosso, dovrà essere perfetta e liscia come l’olio.
Ormai aspetto la riapertura di quella strada quasi quanto aspetto la pizza la Domenica sera e ripeto che tutto ciò mi pare una barzelletta… Ma una di quelle tristi però.
Che dite, la riapriranno entro la fine dell’anno? Oppure per “SanMai”?

CONDIVIDI
Nata nel 1990, sono un'imprunetina doc e guardo il mio "paesello" con occhi innamorati ed al contempo critici. Per me scrivere è un bisogno, è una passione che mi scorre nelle vene mescolandosi ai globuli rossi perché c'è sempre qualcosa da dire o qualche storia da raccontare e... Quando la penna mi chiama, io rispondo.