“Una scuola che guida verso il cielo”: il Gobetti-Volta avvia un progetto...

“Una scuola che guida verso il cielo”: il Gobetti-Volta avvia un progetto in collaborazione con Università di Firenze e Osservatorio di Arcetri

1465
0
SHARE

In Sala Giunta Comunale del Comune di Bagno a Ripoli, si è ufficializzata l’intesa tra Liceo Scientifico Gobetti-Volta, Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Uni. di Firenze e Osservatorio Astrofisico di Arcetri che avvierà, dall’anno scolastico 2017/18, un progetto didattico volto all’approfondimento della materia astronomica.
Responsabile del percorso, ulteriore valorizzazione per il Liceo ripolese, sarà il Vicario dell’I.S.I.S. Gobetti – Volta Paolo Boncinelli. Presenti nel corso della mattinata anche il Sindaco Francesco Casini, la Dirigente Scolastica o dell’I.S.I.S. Gobetti – Volta Prof. Clara Pistolesi, il Direttore del Dipartimento universitario di Fisica e Astronomia Prof. Alessandro Marconi, il Direttore dell’Osservatorio Astrofisico di Arcetri Prof. Filippo Mannucci:

Il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze, l’Osservatorio Astrofisico di Arcetri – INAF ed il Liceo Scientifico dell’I.S.I.S. Gobetti – Volta di Bagno a Ripoli stringono un’alleanza per coinvolgere studentesse e studenti dell’area fiorentina in un progetto altamente innovativo che, primo in Italia, è stato subito accolto con entusiasmo dalle famiglie che hanno iscritto i loro figli al Liceo Scientifico per l’anno scolastico 2017/2018.

Le conoscenze e le competenze altamente qualificate dell’Osservatorio di Arcetri e del Dipartimento universitario fiorentino, che tengono viva la tradizione galileiana, saranno messe a disposizione di una “classe pilota” del Liceo Scientifico, che, a partire dal prossimo anno scolastico, potenzierà il suo quadro orario, fin dalla prima classe, con un percorso di eccellenza incentrato sull’astronomia. Grazie anche ai docenti interni del Liceo, la disciplina “astronomia”, sarà sviluppata nell’ambito della fisica moderna, in sinergia con le altre materie scientifiche, ma non solo: in parallelo sarà approfondita con riferimento alla letteratura, alla filosofia e con il contributo di altre discipline quali informatica, inglese, storia dell’arte.

Nell’arco del quinquennio, grazie allo studio dell’astronomia, le studentesse e gli studenti del Gobetti – Volta avranno una visione approfondita del mondo della ricerca scientifica di base, ne comprenderanno l’importanza e acquisiranno un vero e proprio respiro internazionale, anche grazie alla collaborazione con i docenti del Dipartimento di Fisica e Astronomia e dell’Osservatorio che consentiranno di effettuare esperienze dirette nei luoghi europei in cui si svolgono le ricerche più avanzate, come ad esempio il Telescopio Nazionale Galileo.

La scuola intesa dunque come guida del cielo, affinché chi frequenta questa classe del liceo scientifico acquisisca una preparazione multidisciplinare scientifica ed umanistica, con tutti gli strumenti necessari per avvicinarsi alla ricerca e scrutare il cielo. Una modalità moderna, completa e legata ad un sistema integrato teorico-pratico, con grande respiro culturale, che permetterà a studentesse e studenti di conoscere ed utilizzare davvero al meglio, anche con scopi professionali, quell’autostrada del cielo, tanto affascinante quanto complessa, che incrocia i nostri destini di oggi con le prospettive del futuro.

“Abbiamo aderito subito con entusiasmo alla proposta dei professori del Gobetti – Volta – dichiara Filippo Mannucci, direttore dell’Osservatorio Astrofisico di Arcetri (INAF) – perché si inserisce molto bene all’interno del nostro programma di comunicazione verso il pubblico e di formazione di studenti e insegnanti. Collaborare alla formazione scientifica degli studenti rientra nella mission dell’Osservatorio, in particolare ci interessa che gli studenti imparino cos’è il metodo scientifico e come si usa anche nella vita di tutti i giorni. L’Astronomia è una scienza che ben si presta allo scopo”.

“Sono molto orgoglioso che questa bellissima iniziativa trovi casa in una scuola del nostro territorio – dice il sindaco -. Sarà un’occasione unica per gli studenti, che potranno entrare in contatto e conoscere nel profondo una scienza che tratta forse la materia più affascinante, quello spazio che è ancora terreno da esplorare e di cui molto resta da scoprire. Ma potrà essere anche un’opportunità per il loro percorso di studi futuro e un indirizzo per la loro successiva formazione professionale. Ad accompagnarli avranno guide di eccezione: oltre ai loro insegnanti, l’equipe del Dipartimento di Fisica dell’Università di Firenze e dell’Osservatorio Astronomico di Arcetri. Le premesse ci sono tutte per augurarsi che il potenziamento di astronomia all’Isis Gobetti-Volta si radichi con un ampio successo di partecipazione”.

“Il progettodice il professor Paolo Boncinelli, che ne è il responsabile – si inserisce nel quadro della pluriennale attività di approfondimento svolta dalla nostra scuola nel campo dell’Astronomia, iniziata nel 2010 con lo svolgimento del primo corso di “Laboratorio di Astronomia”, e proseguita negli anni successivi con numerosi altri progetti, fra i quali spicca “Luce dalle stelle”, cofinanziato dal MIUR e svolto in collaborazione con l’Osservatorio di Arcetri e il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze. Siamo quindi orgogliosi e insieme responsabilmente determinati nel portare avanti questo nuovo progetto, insieme di avanguardia e di eccellenza, che mira ad istituzionalizzare tale attività e a renderla organica all’offerta formativa della scuola.”

“Il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze – dice il direttore Alessandro Marconi insieme all’Osservatorio Astrofisico di Arcetri, ha collaborato all’ideazione del nuovo percorso di studi e sarà coinvolto nella didattica per l’intero quinquennio. I ricercatori terranno lezioni e seminari per approfondire gli aspetti teorici delle discipline del percorso e presenteranno agli studenti i risultati degli studi e le scoperte fatte. Inoltre, li guideranno nelle esperienze pratiche presso gli osservatori astronomici”.

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY