“Dove parcheggeremo?”. Tramvia 3.2 e Centro Viola, il futuro porta dubbi: ecco...

“Dove parcheggeremo?”. Tramvia 3.2 e Centro Viola, il futuro porta dubbi: ecco la richiesta dei cittadini ripolesi!

I residenti delle vie limitrofe all capolinea tranviario e all'area dove sorgerà la Cittadella Viola interrogano l'Amministrazione e propongono una possibile contromisura ai timori futuri

307
0
SHARE
Tramvia parcheggio Bagno a Ripoli,

Dubbi ed interrogativi, leciti, che i cittadini di Bagno a Ripoli pongono all’Amministrazione Comunale. Senza sollevare polemiche di sorta bensì per prepararsi a quel che sarà.

Ovvero, una rivoluzionaria trasformazione nel paesaggio, nell’urbanistica e nella viabilità dell’area. Siamo nel Capoluogo, futura sede del centro sportivo dell’ACF Fiorentina (sarà il più grande in Italia) e del capolinea della Tramvia 3.2: inizio dei lavori nel 2020 e fine prevista entro il 2023.

In un battito di ciglia Bagno a Ripoli avrà un flusso giornaliero di presenze sul territorio, seppur di transito, decuplicato. Con ciò che esso comporterà, nel bene: maggior clientela per le attività commerciali di zona, incremento del turismo, crescita dei valori immobiliari. Nell’ipotetico male: traffico in aumento e, conseguentemente, mancanza di posti auto.

Ecco l’interrogativo più importante posto dai residenti ripolesi di via Le Plessis Robinson e via del Padule, a due passi dai grandi cambiamenti urbanistici: dove sosteranno i migliaia di nuovi fruitori in arrivo giornalmente a Bagno a Ripoli? Sarà sufficiente il parcheggio scambiatore che conterà 400 posti auto? E, in ultimo, sarà a pagamento o gratuito?

Il timore giustificato della cittadinanza è il seguente: “I pochi posteggi nei quali mettiamo la nostra vettura saranno presi d’assalto da chi prenderà la tramvia, alla ricerca di luoghi gratuiti e liberi dove sistemare il proprio veicolo per le ore centrali della giornata. E noi, dove parcheggeremo?”

Tramvia parcheggio Bagno a Ripoli,


La richiesta dei ripolesi

Da qui, considerata la fase ancora progettuale della Tramvia 3.2, la richiesta avanzata dai cittadini delle vie suddette: “Il Comune di Bagno a Ripoli ha preso in considerazione tale eventualità e quali intenzioni ha in merito? Vorremmo avanzare la seguente proposta al sindaco Francesco Casini: destinare i parcheggi in questione ad uso esclusivamente residenziale.

Attualmente a Bagno a Ripoli non vige la norma cittadina che differenzia tra stalli blu (fruibili a tutti gli utenti) e stalli bianchi (esclusivi per i residenti): “Già adesso – raccontano i condomini di via Le Plessis Robinson – i posteggi di fronte alle nostre abitazioni vengono usati da fruitori della Coop, della scuola media Granacci e della scuola superiore Gobetti-Volta. La situazione, malgrado ciò, non crea difficoltà.

Avere la possibilità di parcheggiare regolarmente e facilmente nei pressi della propria casa rientra negli aspetti che rendono vivibile ed accessibile un paese a portata di cittadino. Speriamo che le trasformazioni future preservino questo elemento adesso presente!”.

Tramvia parcheggio Bagno a Ripoli,
La considerazione

Di recente sono uscite le statistiche sull’utilizzo della Tramvia fiorentina, Linea 1 e Linea 2, indicative di quante persone siano salite sul mezzo nel 2019: 28 milioni di utenti in dieci mesi. Una portata che, rapportata proporzionalmente al nostro caso, condizionerà certamente la quotidianità di Bagno a Ripoli.

La considerazione, infine, è la seguente: la tramvia, come già da noi sottolineato in articoli trascorsi, non sarà integrata idealmente con il sistema ferroviario che serve l’intera area della Val di Sieve e del Mugello. Ne consegue che la maggior parte di coloro che fruiranno della tramvia raggiungeranno il capolinea di Bagno a Ripoli, con tutta probabilità, automuniti. 

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY