Rinnovata la Convenzione tra Comune e VAB per la lotta agli incendi...

Rinnovata la Convenzione tra Comune e VAB per la lotta agli incendi boschivi

Firmato ieri sera l’accordo con l’associazione di volontariato. Sarà in vigore fino al 31 agosto 2021

132
0
SHARE

Con le firme sulla Convenzione apposte dal Sindaco Francesco Casini e dal presidente Riccardo Sassolini è stato ufficialmente rinnovato l’accordo tra Comune di Bagno a Ripoli e Associazione VAB (Vigilanza Antincendi Boschivi) – Sezione di Bagno a Ripoli per le attività di contrasto agli incendi boschivi. L’accordo siglato ieri 3 ottobre in Palazzo comunale avrà validità fino al 31 agosto 2021, termine stagione ad alto rischio 2021 e scadenza del Piano Operativo Antincendi Boschivi 2019-21.

Da anni VAB collabora con il Comune di Bagno a Ripoli nella prevenzione dei pericoli legati agli incendi boschivi, che soprattutto durante la stagione estiva possono mettere a rischio persone e cose. Tra le attività oggetto della Convenzione, a cui saranno chiamati i volontari:

  • l’operatività e la reperibilità permanente su tutto il territorio comunale (24 ore su 24, 365 giorni l’anno);
  • interventi per il servizio di prevenzione, sorveglianza, avvistamento, spegnimento e bonifica degli incendi boschivi;
  • interventi integrativi di pubblico interesse e di informazione alla popolazione finalizzati alla prevenzione e mitigazione dei rischi da incendi boschivi;
  • interventi di presidio e/o di messa in sicurezza temporanea di luoghi a salvaguardia della pubblica incolumità;
  • attività di soccorso alla popolazione, secondo le disposizioni impartite dagli organi preposti.

«Quella con la sezione VAB di Bagno a Ripoli – ha dichiarato il Sindaco Francesco Casini, titolare anche della delega alla protezione civile – è una collaborazione che va avanti da anni, con un’associazione di volontariato che rappresenta un fiore all’occhiello a livello regionale. Anche nel prossimo futuro VAB sarà al fianco del Comune per difendere il nostro territorio. Rafforzando il nostro sistema di protezione civile sarà più facile diffondere le buone pratiche di prevenzione e gestione delle emergenze».

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY