Manifesti elettorali di nuovo imbrattati: spinelli e croci sul volto dei candidati

Manifesti elettorali di nuovo imbrattati: spinelli e croci sul volto dei candidati

Di fronte ai giardini di Antella

208
CONDIVIDI

La Politica è una cosa seria.
Malgrado i contenuti siano talvolta scadenti.
Sebbene siano gli stessi interpreti a risultare talvolta mediocri (per non dir cose peggiori) ed il vuoto tra cittadino e politica sia spesso colmato da disinteresse e disillusione.

Tale premessa per denunciare quegli accadimenti che, denotando maleducazione e mancanza di rispetto, in questa campagna elettorale ormai al termine, hanno riguardato i manifesti elettorali. Fossero di candidati alle elezioni amministrative o europee.
Già vi avevamo raccontato delle gigantografie di Sinistra Civica e Partito Democratico ripolese danneggiati e strappati. Ultimo aggiornamento, risalente probabilmente a questa notte, il distaccamento tra Grassina e Ponte a Niccheri di numerosi manifesti, segnalato anche sulle piattaforme Facebook. Non è finita qui. Di fronte ai giardini di Antella alcuni volti di attuali candidati sono imbrattati con pennarello nero, spinelli in bocca e che escono dalle orecchie, croci, occhiali finti. Soliti disegnini da ragazzate con alto tasso di stupidità che, tuttavia, dovremmo smettere di giustificare ritenendole “consuete”. Da escludere invece un “disegno politico” che mira ad uno schieramento preciso.

Tra le facce rivisitate, anche con un certo impegno, si annovera quella del candidato sindaco del Centrodestra per Bagno a Ripoli Alberto Acanfora.
Noi ne vogliamo parlare poiché riteniamo doveroso additare gesti di mancato rispetto e poiché riteniamo l’impegno di un candidato sindaco una responsabilità seria, rivolta alla collettività, apprezzabile.

CONDIVIDI
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.