Il caso dei manifesti strappati, Sinistra Civica e PD ripolese denunciano l’accaduto:...

Il caso dei manifesti strappati, Sinistra Civica e PD ripolese denunciano l’accaduto: “Noi li riattaccheremo”

242
CONDIVIDI

In questi giorni nei quali la campagna elettorale è al suo sprint finale e la politica, almeno quella locale, è al centro di ogni pensiero (giornalistico, dei molti candidati presenti sul territorio, dei cittadini), si accende la bagarre.
Anche scorretta. Come nel caso, verificatosi a Bagno a Ripoli, del “mistero dei manifesti strappati”.

Un titolo romanzesco per un fatto irrispettoso occorso a Sinistra Civica e Partito Democratico di Bagno a Ripoli, entrambe realtà politiche in sostegno del candidato sindaco Francesco Casini.
La prima forza a denunciare l’accaduto è stata Sinistra Civica con lo sgarbo dei manifesti elettorali tolti, sbrindellati o addirittura imbrattati di nero davanti alla Scuola Granacci mercoledì u.s. e negli appositi spazi di Rimaggio nella giornata di ieri. Una stranezza che sembrava mirata nonché inspiegabile per un logo che non riporta volti ma soltanto la parola “Sinistra” (di questi tempi potrebbe esser sufficiente per spiegare atti simili).
Poi, come riportato su facebook, è toccato al Partito Democratico di Bagno a Ripoli che, come Sinistra Civica, riposizionerà le gigantografie là dove sono state danneggiate.

I nostri manifesti ancora una volta sono stati strappati. Noi li riattacheremo, perché siamo più forti di queste brutte abitudini”, la scritta trasmessa via social.

Denunciamo con forza tali atti di maleducazione e mero sgarbo che denotano un distacco ancora percettibile nei confronti della “cosa” politica e stonano con un clima di interesse ed attivismo che Bagno a Ripoli, in realtà, sta dimostrando di avere.



CONDIVIDI
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.