Bagno a Ripoli è per tutti: via al piano di abbattimento delle...

Bagno a Ripoli è per tutti: via al piano di abbattimento delle barriere architettoniche

Previsti interventi per 170mila euro nel capoluogo. Il sindaco Casini e l’assessore Pignotti: “Rimuovere le barriere architettoniche è una battaglia di civiltà per garantire pieni diritti a tutti i cittadini”

122
0
SHARE
via al piano di abbattimento delle barriere architettoniche

Bagno a Ripoli per tutti: piano di abbattimento delle barriere architettoniche

Via ad un piano straordinario di abbattimento delle barriere architettoniche a Bagno a Ripoli. La giunta comunale ha approvato lo studio di fattibilità per un importo complessivo pari a 170mila euro. I lavori si concentreranno sulla risoluzione delle principali criticità (dislivelli, scale, pavimentazioni rovinate) rinvenute nel capoluogo, in particolare quei passaggi pedonali situati nei pressi di punti sensibili come scuole, giardini e piste pedo-ciclabili.

Tra gli interventi in programma: il completo adeguamento del percorso pedo-ciclabile di via del Pratello; la manutenzione della scalinata di via Gramsci con la creazione di una nuova rampa; l’abbattimento delle barriere architettoniche nei pressi degli attraversamenti pedonali di via delle Arti e di via Roma.

 «Rimuovere le barriere architettoniche ancora presenti sul nostro territorio – commentano il sindaco Francesco Casini e l’assessore ai lavori pubblici Francesco Pignottiè una battaglia di civiltà per garantire pieni diritti a tutti i cittadini. Questo è il nostro dovere come amministrazione comunale.

L’intervento appena approvato è un investimento importante, che porterà benefici tangibili alle persone con ridotte capacità motorie o visive. Passo dopo passo, frazione per frazione, ci impegniamo a rimuovere tutti gli ostacoli che impediscono il normale svolgimento della vita di molti nostri concittadini».

 Il cronoprogramma dei lavori prevede l’approvazione del progetto esecutivo a marzo 2020, l’inizio dei lavori a giugno e la conclusione degli stessi entro novembre, con il collaudo dell’opera.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY