Bagno a Ripoli, la Biblioteca cresce dentro alle scuole: in arrivo 40mila...

Bagno a Ripoli, la Biblioteca cresce dentro alle scuole: in arrivo 40mila euro e nuovi progetti per i piccoli lettori

Dal Comune 40mila euro per potenziare le Biblioteche scolastiche del territorio. Più risorse e personale grazie alla collaborazione con la società Il Palinsesto. Più progetti di ricerca in classe, lettura e prestito per i giovani studenti. Tra bookcrossing, “patenti” del bibliotecario e mostre del libro

84
CONDIVIDI

La Biblioteca cresce, dentro alle scuole di Bagno a Ripoli. Il Comune ha deciso di potenziare con un investimento di quasi 40mila euro il progetto delle Biblioteche scolastiche, vere e proprie biblioteche “in trasferta” collocate in ognuna delle sei scuole primarie del territorio, integrate nella programmazione didattica degli istituti, nate per avvicinare i più piccoli alla lettura e appassionarli alla ricerca.

Le risorse stanziate dall’amministrazione serviranno innanzitutto a rafforzare il personale: con la ripresa dell’anno scolastico, le Biblioteche scolastiche saranno gestite dai bibliotecari del Comune in collaborazione con la società Il Palinsesto di Firenze, specializzata in servizi educativi e bibliotecari, selezionata con una manifestazione di interesse pubblico.

I bibliotecari “scolastici” saranno impegnati nelle classi per 24 ore la settimana (1440 in un anno scolastico) e metteranno in campo nuovi progetti e ricerche che coinvolgeranno tutte le sezioni delle primarie, dalle I alle V, con percorsi condivisi con gli insegnanti, calibrati sull’età dei bimbi e sulla loro preparazione. Grazie alla Biblioteca scolastica, i giovani alunni avranno la possibilità di prendere in prestito a scuola i libri preferiti, e potranno partecipare a iniziative come il bookcrossing, mostre mensili del libro, gare a colpi di romanzi per bambini, letture vintage dedicate ai grandi classici della letteratura. I bambini impareranno inoltre l’Abc del funzionamento di una Biblioteca, le regole della catalogazione, della consultazione e della ricerca, guadagnandosi una “patente del piccolo bibliotecario” e la possibilità di diventare bibliotecari per un giorno.

“Una generazione che legge è una generazione che pensa – commenta il sindaco Francesco Casini -. A questo progetto teniamo moltissimo, e ci i tengono molto le famiglie e le scuole. Abbiamo deciso di potenziarlo con nuove risorse, nuovo personale e nuove idee per continuare a creare nei bambini un rapporto positivo con la lettura, dare loro gli strumenti per muoversi da soli e criticamente nel mondo dei libri. In un anno vengono coinvolti oltre mille bimbi e molti di loro, grazie alla Biblioteca scolastica, si iscrivono poi alla Biblioteca ‘vera’, con un legame che si rafforza crescendo”.

CONDIVIDI
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.