L’Atletico Impruneta in visita alla Berretti della Virtus Entella

L’Atletico Impruneta in visita alla Berretti della Virtus Entella

374
CONDIVIDI

Una giornata di sole, mare e calcio… Una piacevole trasferta ligure per una delegazione della prima squadra biancoverde composta dal tecnico Perini, Salvatore, Moretti e il direttore Mamma, partita dalla Toscana alle prime luci dell’alba per seguire la doppia seduta di allenamento della Berretti della Virtus Entella di Gianpaolo Castorina.

Tornata prepotentemente agli onori della cronaca per essere stata una tappa fondamentale del processo formativo dell’astro nascente Nicolò Zaniolo, la società di Chiavari ha sempre puntato sul proprio settore giovanile e sulla formazione di futuri campioni.
In questo grande progetto rientra a pieno titolo la Berretti di Castorina, seconda in classifica a pari punti con l’Arezzo alle spalle del Torino.

Dopo questo piccolo inciso torniamo alla notizia di apertura, e al nostro Francesco Perini. Il rapporto di amicizia e stima ha origini recenti, i due si conobbero due estati fa in vacanza in Sardegna, un’amicizia non solo calcistica che nel tempo si è cementificata sempre più. Per un giovane allenatore come Perini, Castorina è un mentore, un maestro di campo, bravissimo a lavorare con i giovani, con il quale confrontarsi, apprendere ogni segreto. La sua esperienza pluriennale sulle panchine del settore giovanile biancoceleste (dai Giovanissimi Nazionali alla Berretti, passando per gli Allievi Nazionali e la Primavera) lo ha reso un gurù nella gestione dei giovani atleti. Ed è così che una volta al mese, il tecnico Perini sale in Liguria a far visita al suo amico e collega Castorina.

Dopo aver assisitito attentamente alla doppia seduta in vista del big match di sabato contro l’Arezzo per la conquista della seconda posizione in solitaria alle spalle dei granata, tutti allo Stadio comunale di Chiavari a seguire il match valido per la settima giornata di ritorno del campionato serie C tra la Virtus Entella e la Pro Vercelli. Per la copronaca, la sfida è terminata due a uno per i padroni di casa con rete decisiva di Caturano in zona Cesarini, lanciando i liguri verso il ritorno in Serie B a cinque anni di distanza dalla prima storica promozione in cadetteria. Per un fattore scaramantico, chissà che allo staff dell’Atletico Impruneta non venga richiesta una maggiore presenza sulle tribune dello Stadio di Chiavari.

CONDIVIDI
Nato a Bagno a Ripoli il 20 Ottobre 1994, amante del calcio in tutte le sue sfumature, ho passato buona parte della mia vita sui campi della Toscana a smistare palloni, e a prendere qualche salutare pedata. Una carriera scolastica eterogenea, iniziata come geometra ed evoluta come studente di scienze politiche della facoltà di Firenze. Nella vita poche cose sono certe ma su una vado sul sicuro, ho passato più ore a giocare a calcio che sui libri. Col tempo ho coltivato la passione per il giornalismo, lavorando nella redazione sportiva dell'emittente televisiva di Italia 7.