Eccellenza, l’Antella brilla nel primo tempo e si costruisce la vittoria: è...

Eccellenza, l’Antella brilla nel primo tempo e si costruisce la vittoria: è la seconda in stagione!

Rignanese dominata per 60 minuti. Poi il finale thrilling con la tentata rimonta. Finisce 3-2. Foto di CLAUDIO DOLFI (che ringraziamo)

466
0
SHARE

Eccellenza Girone B, 6° giornata
USD Antella 99 vs Rignanese 3-2
USD Antella 99: D’Ambrosio, Bani, Grattarola, Bigalli, Magnani, Vitale, picchi, Tacconi, Merciai, Olivieri, Turchi. A disp.: Papi, Manetti, Corsetti, Ndri, Marangon, Cini, Nardi, Posarelli, Dilaghi. All.: Stefano Alari.
Rignanese: Carli, Molinu, Guidotti(85°Merlini), Cioce, Falciani, Zefi, Renieri, Spanu, Bencivenni Stufi(34° De Simone), Tozzi(88°Rotondi), Fagioli(34°Ignesti). a disp: Mancini, Pampaloni, Casalini, Cannelli, Benedetto. all. Lucchesi Francesco

Arbitro: Sig. Bassetti Tommaso della sez. di Lucca
Assistenti: Sig. Palombo Federico e Sig. Goretti Giacomo della sez. del Valdarno
Marcatori: 3°Turchi(A), 26°Picchi(A), 69° Vitale(A), 78° Molinu(R), 90°Merlini(R)
Espulsi: 48°D’Ambrosio(A), 48°Ignesti(R)
Ammoniti: 38°Mignani(A), 42°Tozzi(R), 43°Tacconi(A), 47°D’Ambrosio(A), 50°Turchi(A), 54°Vitale(A), 67°Falciani(R),83°Papi(A)

L’Antella batte un (gran) colpo e trova, tra le mura amiche, la seconda vittoria stagionale. A farne le spese una Rignanese giovane, palleggiatrice ma fisicamente gracile, incapace quest’oggi di imporre i dettami tecnico-tattici di mister Lucchesi.
Sin dalle primissime battute i locali si dimostrano più in palla, manifestandosi con un approccio ideale alla gara e dando immediatamente il là alle marcature: su una fase di ripartenza il tocco illuminante di Tacconi, schierato prima punta, spedisce Turchi a tu per tu con Carli. Una finta dunque il tocco sotto che beffa il n.1 ospite per il vantaggio antellese.

Binari casalinghi posti su una rotta in forte ascesa. Vedere per credere, il leitmotiv della gara è semplice quanto costante. Funziona…ma solo per i ragazzi di Alari: la Rignanese vuole a tuti i costi esibire una sorta di tiki-taka ed uscire dalla retroguardia palla al piede innescando in regia Cioce o Tozzi a turno. L’Antella, però, ha studiato, alza il baricentro e pressa in maniera coordinata strappando la sfera agli avversari in zone nevralgiche del campo. Gli assist, pertanto, arrivano direttamente dai piedi degli ospiti: ce n’è uno per Tacconi che però vede respingersi la conclusione mancina da Carli. Ce n’è un altro…stavolta decisivo: Tacconi e Merciai ingabbiano il regista, la palla è strappata ed il numero 9 serve in profondità un Turchi scatenato. Dribbling e tiro…palo! L’azione continua ed è avvolgente, ecco un cross da sinistra di Olivieri, respinto sui piedi di Picchi: stop e tiro destro, Carli non è impeccabile e la palla finisce in fondo alla rete.
2-0. 
Il monologo antellese continua sino al 40° circa quando, d’improvviso, la contesa (non solo calcistica) divampa. Sale il nervosismo, la miccia è stata accesa e l’arbitro, dopo un parapiglia e qualche presunto colpo proibito, esprime la propria sentenza: un espulso per parte, il neo entrato Ignesti da una parte (in campo da pochi minuti) ed il portierone D’Ambrosio dall’altra. L’Antella è cascata nel tranello avversario, ha giocato col fuoco e vi è rimasta scottata. Mister Alari è costretto dunque a ridisegnare la formazione: fuori Olivieri e dentro Papi, si va col 4-4-1. 

La ripresa è, per certi versi, ancor più pirotecnica e divertente della prima frazione di gioco. L’Antella come al solito abbassa il proprio baricentro e lascia, differentemente dai primi 45 minuti, maggior libertà d’impostazione a Cioce. La Rignanese, dalla sua, prova a riaprire la gara ma le conclusioni dirette verso Papi sono da distanze proibitive ed innocue.
Malgrado la stanchezza, i locali riescono a suggellare il risultato al minuto 69: corner di Marangon, spizzata sul primo palo di Turchi e tap-in vincente del pilastro difensivo Vitale (già a quota 2 reti in campionato).

3-0, tutto propenderebbe per il classico “game, set and match”. Ma…
Il “ma” è dovuto ad un’azione di causa-effetto classico in questi casi: l’Antella che dà per vinta la gara a mezzora dalla fine e la Rignanese che, improvvisamente, si sveglia dai torpori sofferti per 70 minuti. E’ il 78° quando Molinu, tra una selva di maglie rosse, trova tempo e modo per incornare la testata vincente. 3-1, manca un quarto d’ora, gli ospiti ci credono ma Papi ci mette i guantoni in due-tre occasioni. I bianco-verdi attaccano a spron battuto, l’Antella è all’angolo ma resiste…almeno fino al minuto 90 quando Merlini, ancora di testa, trova la girata giusta. 3-2. Manca solo il recupero, vissuto in apnea. La suspence cresce, il tempo passa. Inesorabile. C’è un ultimo corner, l’Antella trattiene il fiato, Cioce batte ma malgrado la sua infinita classe che – così si dice – lo proietterà a breve in categorie professionistiche, non alza il pallone. Un niente di fatto…bellissimo per l’Antella.
Il signor Bassetti, adesso, può dichiarare “fine” alla sfida. Sofferta ma meritatamente vinta dai ragazzi di Alari che salgono a quota 9 in classifica.

Fotogallery a cura di Claudio Dolfi

la prima rete della Rignanese
Carli si allunga e devia quanto basta il tiro di Marangon

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY