Basket Impruneta, Coach Calamassi lancia la sfida: “Sarà una baraonda, abbiamo fame...

Basket Impruneta, Coach Calamassi lancia la sfida: “Sarà una baraonda, abbiamo fame di vittoria”

Classe 1995, l'head coach tra i più giovani della Toscana, avrà a disposizione tra i roster più esperti del campionato. Obiettivo? Vincere!

375
CONDIVIDI

L’Impruneta del basket ha scelto il nuovo che avanza, affidando la panchina ad un Coach alla sua prima esperienza senior da capo allenatore: Tommaso Calamassi, classe 1995, una carriera precoce iniziata allo scoccare della maggiore età e proseguita come assistente e mister delle giovanili.
Un azzardo? “No – assicura il capitano e DS Cosimo Vergelli è stata la mia prima scelta fin da subito. Un profilo di qualità che concilia, con la sua grinta, la nostra voglia di rivalsa: gridiamo vendetta per la stagione scorsa conclusa con un indegno sesto posto.”

Calamassi si è guadagnato la grande chance, la più importante fin qui come head coach, grazie ad una stagione zeppa di impegni e successi: secondo allenatore all’Affrico e alla Sancat, coach dell’anno 2006 alla Sancat e dell‘under 20 all’Affrico, con i quali al suo terzo anno ha trionfato nel campionato regionale: “Ancora stento a crederci, è stata la mia prima vittoria da mister, indimenticabile!“. Tuttofare delle panchine, vincente a tempo perso. Di scuola Corsini e Puccetti – “sono i miei mentori, due che a Firenze ci capiscono parecchio di basket” -, Calamassi continuerà ad allenare l’anno 2006 della Sancat, lascerà da trionfatore l’Affrico e, senza timore alcuno, vestirà i panni di leader su al paesello.
Sono stato contattato e convinto da Cocco e Bruni, conosco l’ambiente rovente della Bombonera e non vedo l’ora di iniziare. Qual è il nostro obiettivo? Raggiungere anzitutto i playoff, ormai una consuetudine per l’Impruneta e provare a vincere. Con questa squadra siamo già pronti!”

Calamassi festeggia la vittoria con l’unger 20 dell’Affrico

Ad affiancarlo sarà l’assistant coach Roberto Ravenni, che completa per esperienza e conoscenza del gruppo una duo tecnico ideale.
Tutti riconfermati, il roster è praticamente al completo.
“Considerata la rivoluzione in panchina non abbiamo voluto effettuare ulteriori stravolgimenti. La rosa è competitiva, stiamo pensando soltanto ad un inserimento, possibilmente un tiratore per incrementare la pericolosità dal perimetro”.
In formazione rientrerà fin da subito il vicecap. Leonardo Quartini, ai box per un grave infortunio al ginocchio nella stagione scorsa; stesso percorso di recupero dovrebbe esser proprio di Christopher Paolini, mentre una novità che tale non è porta il nome di Gabriele Biondi: il “centro” n.4, appesa la canotta al chiodo nell’annata 2018-19, è pronto a tornare sul parquet dopo una parentesi di inattività, andando a consolidare ulteriormente il reparto “lunghi” (Fattori, Brinck, Sacconi, Cocco).

Che Impruneta vedranno tifosi e Gap50023 nella stagione che inizierà a fine agosto? “Senza scendere nell’aspetto tecnico, sarà un team con una fame incondizionata di vittorie, grinta e sudore per la causa. Sarà una baraonda e non solo per la Gap. Voglio una squadra concreta e veloce, che prediliga contropiede e tiro da tre. Siamo, infine, una squadra tra le più esperte del campionato, un aspetto che deve giocare a nostro favore!”