Api ai giardini di Grassina, l’assessore Minelli: “Un piano d’azione tra Comune...

Api ai giardini di Grassina, l’assessore Minelli: “Un piano d’azione tra Comune ed Alia”

486
0
SHARE

L’assessore Ripolese Enrico Minelli, attraverso facebook, ha informato la cittadinanza delle contromisure che il Comune adotterà per ovviare, seppur in parte, al problema delle api, presenti in maniera consistente ai giardini di Grassina.

“Api ai giardini di Grassina. Dopo le segnalazioni avute anche sui social abbiamo contattato Duccio Pradella Apicoltore e Presidente Associazione Regionale Produttori Apistici Toscani. Sono stati fatti sopralluoghi  da apicoltori della zona. Purtroppo l’andamento climatico anomalo sta mettendo in forte difficoltà api e apicoltori. Il perdurare della siccità ha portato ad una totale assenza di fioriture e in tali condizioni le api sono attratte da qualunque soluzione zuccherina. Un gelato, una granita, una bibita zuccherata diventano irresistibili per le api e altri insetti presenti nella zona.

Capiamo i disagi che questo può comportare ma ricordiamoci sempre che sono le api e gli insetti pronubi che attraverso il loro instancabile lavoro di impollinazione permettono la riproduzione di molte piante e il mantenimento dell’ambiente e della biodiversità. Le api sono elemento fondamentale per l’ambiente e sono da sempre presenti in territori urbani, agricoli, rurali e montani. Le api sono “bioindicatori ideali” per aree agricole, urbane, industriali e averli nel nostro territorio è importantissimo e ci garantisce di vivere in un luogo sano. Ricordiamoci che si stima che oltre il 70% del cibo che mangiamo è il frutto dell’attività delle api.

Ogni volta che mangiamo una fragola, un pomodoro, una mela, un bicchiere di latte o che beviamo un caffè o una spremuta dovremmo ringraziare le api.
Il Comune, consapevole del problema, ha concordato con Alia un piano di azione che prevede la ripulitura dei cestini nei giardini pubblici con maggior frequenza. Vi chiediamo anche di cercare di evitare per quanto possibile di buttare carte sporche di sostanze zuccherose nei cestini pubblici all’aperto (prediligendo i cestini in luoghi chiusi).”

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY