A tu per tu col Sindaco F. Casini: aggiornamenti su Bagno a...

A tu per tu col Sindaco F. Casini: aggiornamenti su Bagno a Ripoli a 360°

Variante e Terza Corsia A1, Mondeggi Bene Comune e Villa Corsi, MEF, Gestione Associata, aree pubbliche e M5S. Panoramica completa col Primo Cittadino

1557
0
SHARE

Molti e di svariato genere i temi trattati dal Sindaco Francesco Casini nel suo incontro con la stampa locale: dai patrimoni immobiliari decaduti a Mondeggi Bene Comune, dalla Variante della Chiantigiana alla Terza Corsia, dalle aree verdi comunali alla Gestione Associata con Impruneta. Non solo. Anche un parere sul M5S e sul loro crac romano che sta intasando i quotidiani nazionali da alcuni giorni a questa parte. Cerchiamo di riassumere con ordine e chiarezza:

 

IMMOBILI STORICI E PATRIMONI DA RECUPERARE

Tra le strutture di valore artistico, storico, culturale andate in malora con il passare del tempo a causa di una malagestione pubblica e di mancati investimenti privati ci sono, ad esempio, Villa Monna Giovannella, Montisoni, Villa Mondeggi, Villa Pedriali, Le Gualchiere: cinque luoghi dove il Comune di Bagno a Ripoli, non ha giurisdizione diretta, ormai situazioni annose ed irrisolte di patrimonio pubblico e privato che stentano a risolversi: “l’Amministrazione – inizia Casini – è a disposizione per contribuire alla ricerca di una destinazione e recuperare i beni; tuttavia, non si può banalizzare ed una riqualificazione non è per niente scontata: spesso il patrimonio storico-artistico della struttura diviene un limite (pensiamo ai vincoli) nell’individuare nuove prospettive e possibili acquirenti e le difficoltà economiche sono note. l’Amministrazione Comunale si auspica una rivalutazione di questi immobili ponendosi come interlocutore tra privati che mostrano  interesse e proprietari istituzionali, contribuendo nelle future destinazioni di ricchezze che insistono sui nostri territori.”

L’area di Mondeggi tra le aree sopra citate si differenzia per la presenza della realtà Mondeggi Bene Comune: “Ci sono stati incontri informali, è evidentemente che finché non c’è la volontà di costituirsi come soggetto giuridico non si potrà andare oltre. A quale titolo si organizzano incontri altrimenti? Bisognerebbe gestire la situazione assieme alla proprietaria Città Metropolitana per capire la strada da adottare; non sono d’accordo con l’occupazione in quanto rappresenta un atto illegale e non è una giustificazione plausibile lo stato d’abbandono delle proprietà di Mondeggi. mondeggiE’ inoltre da verificare il progetto di valorizzazione che, a mio avviso, non può essere ancora considerato tale. Per quanto mi riguarda, finché il soggetto in causa non è riconoscibile giuridicamente, quella è definibile un’illegalità compiuta sul territorio di Bagno a Ripoli, dunque richiedente un’organizzazione specifica per affrontarla. Diversamente, se questa idea di percorso contadino, di comunità ed agricoltura di base venisse istituzionalizzata, allora, potrebbe essere un progetto con una sua valenza. A tal punto saremmo disposti, noi Comune, a fare da tramite con la Città Metropolitana.”

Villa Cedri: “parliamo oltre 10 ettari alle porte di Firenze, appetibili per chiunque. In passato anche occupata da abusivi, Villa Cedri può, attualmente, prevedere destinazioni educative e sportive. Non residenziali. Ci fu in passato una trattativa tra Comune di Bagno a Ripoli e Fiorentina Calcio per trasformare l’area in un rinomato centro sportivo a tinte viola ma il progetto naufragò e Villa Cedri perse l’opportunità di rifarsi bella. Si cercano acquirenti privati per riqualificare la struttura.”

 

MOVIMENTO 5 STELLE

Secondo il Primo Cittadino di Bagno a Ripoli “per costruire una classe dirigente, e questo vale per tutti, ci vogliono anni di esperienza ed un percorso precedente formativo, come dimostrano le criticità dei pentastellati a Roma. Non ci si inventa rappresentanza politica. Il Movimento 5 Stelle sta dimostrando l’incapacità di governare, dovuta principalmente all’inesperienza. Non c’è da fare feste e stappare spumanti, poiché si tratta di amministrazioni regolarmente elette e scelte dai cittadini con responsabilità importanti che vanno a discapito della popolazione; non dico neanche che sia sempre così, ci sono città dove i pentastellati riescono nell’intento di governare, tuttavia sostengo che non si possa promettere l’irrealizzabile, bensì essere concreti e realistici. Il M5S ha fatto della critica la sua arma vincente ma giunto alla prova dei fatti, ovvero al governo, spesso, non è riuscito a rispettare le aspettative.”

 

URBANISTICA ED OPERE PUBBLICHE

Variante della Chiantigiana: “E’ un’opera prioritaria ma è inutile fare annunci illusori. Ad Ottobre informeremo con un incontro pubblico i cittadini, gli annunci saranno fatti solo ed esclusivamente quando sapremo il giorno di messa in funzione delle ruspe. Senza gettare fumo negli occhi a nessuno. Espletati tutti i lavori di affidamento, bonifica da ordigni bellici effettuata e risorse economiche presenti, l’opera può dunque realisticamente partire. Il 15 Settembre abbiamo un incontro specifico con impresa e Città Metropolitana (base appaltante) per definire gli ultimi dettagli. Confermo che la Variante è un’opera fondamentale su cui continuiamo a lavorare”.

Terza Corsia A1: “siamo nella fase di completamento per la bonifica degli ordigni bellici e per le indagini di stampo archeologico che occuperanno Settembre ed Ottobre. A Novembre dovrebbero iniziare i lavori, partendo dal casello di Firenze Sud e proseguendo verso Antella. Verrà organizzata una conferenza dei servizi locale (non a Roma) per i lavori davanti all’OSMA (nuovo parcheggio, strada e pedociclabile) e cercheremo di coinvolgere la cittadinanza con incontri pubblici per quanto riguarda la destinazione della Galleria di Antella: a mio avviso la soluzione migliore sarebbe quella di “decorare” la Galleria con un uliveto per alleviare l’impatto tramite il simbolo principale di Bagno a Ripoli, l’ulivo appunto. Vedremo, il parco fotovoltaico resta una possibilità concreta ma preferirei un’area verde.
Le reti di colore arancio che delimitano metri e metri di terreno ripolese non definiscono l’ampliamento dell’autostrada bensì le terre in fase di esproprio o quelle che saranno soggette ad interventi nel contesto delle opere di ricaduta della Terza Corsia.”

 

GESTIONE ASSOCIATA

I rapporti con Impruneta sono un tema di critica trattazione; in essere da circa due anni, tale unione di intenti fu tanto pubblicizzata nel momento nel quale avveniva quanto dimenticata, almeno dal punto di vista giornalistico e propagandistico, una volta attuata. Segno che ci si aspettava altro?
Casini risponde così: “Il rapporto con Impruneta è stretto, Lunedì 12 avremo una Giunta congiunta con Impruneta (per conoscere i nuovi assessori anche) e in questo incontro vedremo se c’è la volontà di entrambi le parti di andare avanti! Sociale ed Educativo sono i settori attualmente associati (ad esempio gli scuolabus), mentre attendo una risposta sulla Protezione Civile e non escludo che ci possano essere altre ambiti che andranno in gestione associata a patto che non si sia in due. Ovviamente Bagno a Ripoli è volta anche verso Pontassieve e la città di Firenze.”

 

BOMBE D’ACQUA

L’ultima risale all’8 Giugno 2016: “Speriamo intanto che non avvenga proprio; stanno comunque per partire interventi su Via Bikila (e non solo) per ovviare ulteriormente a danni e minacce. 13397038_10209403418947142_1354642403_o-e1465404917145Rendiamoci conto anche che gli ultimi allagamenti sono dovuti a fattori naturalistici e strutturali delle costruzioni che sono state effettuate negli anni. Non a caso si allagano interrati e non case. Se per salvare un garage si deve demolire degli immobili (e non parlo solo di Via Bikila), andrà svolto un ragionamento sulla necessità di dichiarare inagibili determinati vani ricavati sottoterra che si allagano ogni volta che c’è una bomba d’acqua. Non è giustificabile invece l’allegamento del parcheggio alla Scuola Marconi, li interverremo. Dobbiamo dire che nonostante abbiano avuto risalto i danni, molte altre criticità in occasione degli ultimi allagamenti sono state evitate per merito degli interventi già svolti. Attualmente niente viene dichiarato inagibile e continueremo ad aumentare gli elementi di “difesa” nei confronti di tali fenomeni naturali sempre più frequenti” (anche se le costruzioni più recenti nella zona di Liliano e Meoli risalgono a pochi anni fa e ad Antella, al di sopra di Via Carnie e Via Rep. Val D’Ossola, tra le vie allagate, si continua a costruire).

 

MEF

Per chi non lo sapesse, un anno e mezzo fa (era il Maggio 2015) il Ministero dell’Economia e delle Finanze avviò un’ispezione nei confronti di presunte irregolarità nella gestione di denaro pubblico durante l’amministrazione Bartolini. Che ne è stato di quel possibile “impiccio”?
“Ancora non conosciamo l’esito e siamo in attesa di una risposta definitiva. A Luglio è arrivata una lettera, informandoci che non c’è niente di ben definito e serve loro altro materiale, poiché ci hanno riferito che un incendio negli archivi della Ragioneria di Stato ha rovinato i documenti esistenti. Tengo a precisare che non è un’indagine bensì un’ispezione collaborativa della Ragioneria di Stato nella quale noi abbiamo inviato subito il materiale per permettere di far chiarezza, convinti che non ci sia nessuna irregolarità. “Se ne è fatto un polverone ma, com’era prevedibile, si arriverà ad un esito positivo”.

 

AREE VERDI E GIARDINI PUBBLICI

leggi qui: “Il Sindaco casini investe du Grassina: non uno…ma (addirittura) DUE giardini pubblici”

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY