Apoteosi gialloblu! Lo scontro al vertice è del Bagno a Ripoli

Apoteosi gialloblu! Lo scontro al vertice è del Bagno a Ripoli

237
0
CONDIVIDI

JUNIORES PROVINCIALI – Girone B
Bagno a Ripoli – Atletico Castello 4-2
Marcatori: 3′ 28′ Renzi (BaR), 8′ 32′ Fantechi (At.C), 46’Maccarone (BaR), 89′ Enned (BaR)
Arbitro: Toti (sez. di Firenze)
Formazioni:

BAGNO A RIPOLI: 1 Falsettini, 2 Brovelli, 3 Chini, 4 Vicini, 5 Landini, 6 Enned, 7 Masieri, 8 Perrotta, 9 Ricci, 10 Renzi, 11 De Simone.
A disposizione: 12 Rossi, 13 Maccarone, 14 Nuti, 15 Montecchi, 16 Olivieri, 17 Pardelli, 18 Chirco, 19 Trambosti, 20 Gallino

ATLETICO CASTELLO: 1 Michelassi, 2 Chiti, 3 Milani, 4 Pomini, 5 Parlanti, 6 Morettini, 7 Megli, 8 Boanini, 9 Fantechi, 10 Ferri, 11 Marotta.
A disposizione: 12 Mosconi, 13 Tarlini, 14 Vaggioli, 15 De Leonardis, 16 Boschi, 17 Basolu, 18 Nocentini, 19 Falcinelli, 20 Bartoli. Allenatore Carmannini

A i Ponti di Bagno a Ripoli va in scena il match di cartello del girone B del campionato Juniores provinciale con i lanciatissimi padroni di casa gialloblu che ospitano l’Atletico Castello, unica squadra capace, per ora, di restare in scia del club ripolese. I padroni di casa mettono subito le cose in chiaro e sbloccano la sfida dopo 3′: azione da sinistra di De Simone, cross in area di rigore per Enned che di petto addomestica il pallone preciso per la conclusione a rete di Renzi… 1-0! Partenza sprint della capolista che sessanta secondi più tardi sfiora addirittura il raddoppio, solo il palo dice di no a Masieri.
La gioia dura poco perché all’ottavo gli ospiti reagiscono e trovano il pareggio sfruttando un’indecisione in fase di impostazione, Fantechi borseggia palla regolarmente a Vicini e a tu per tu con il portiere in uscita apre il piattone destro in direzione del palo più lontano e insacca il gol dell’improvviso pareggio.


Dopo poco più di 15′ la partita perde uno dei suoi possibili protagonisti, Masieri costretto ad uscire per un infortunio al piede viene sostituito da Maccarone, cambio che si rivelerà essere decisivo a fini del risultato finale…
Metà di prima frazione rovesciata di Ricci sugli sviluppi di calcio d’angolo, pregevole il gesto atletico, non all’altezza della preparazione l’esecuzione del tiro che finisce alto di qualche metro sopra la traversa. Non facile coordinarsi con un nuvolo di avversari intorno al centravanti di casa.

28′ Zampata di Renzi, dopo venti minuti di latitanza, sugli sviluppi di rimessa laterale vicino alla bandierina, il capitano si fa trovare pronto sul secondo palo per concludere a rete. Sassata che si stampa sul palo interno e s’insacca in rete… gioia incontenibile per il nuovo vantaggio e per la doppietta del figliol prodigo! Le emozioni però non finiscono qui… al 32esimo verticalizzazione dalla trequarti per Fantechi che brucia in velocità il diretto avversario e con la palla a mezza altezza batte con tocco delicato Falsettini nella terra di nessuno…. 2 a 2! 180 secondi più tardi, miracolo di Falsettini che sugli sviluppi di palla inattiva disinnesca un colpo di testa destinato in rete. Primo, di una lunga serie di interventi decisivi del numero 1 si che riscatta da un avvio incerto, prima di diventare uno dei protagonisti della vittoria gialloblu…sul finale di prima frazione, al 42′, contropiede Castello: uno due tra Fantechi e Marotta, quest’ultimo entra in area di rigore ad ampie falcate e a pochi metri dall’area piccola viene falciato da Vicini. Rigore netto e ammonizione per il centrale gialloblu. Falsettini ipnotizza Ferri e salva il risultato! (Per rivedere il video del rigore cliccate qui)

Con il rigore neutralizzato dal portiere di casa si chiude un primo tempo memorabile, l’auspicio che il secondo tempo non sia da meno viene confermato dopo neanche sessanta secondi dal calcio d’inizio. Giusto in tempo per ricomporsi sulle tribune dello stadio ai Ponti che i padroni di casa si riportano per la terza volta avanti. Ricci rifinisce con un tocco sotto in profondità per Renzi che salta il portiere ma non trova né il tempo né lo spazio per concludere personalmente a rete, causa il perentorio ritorno del portiere ospite. Arriva a dare man forte al capitano di casa Maccarone, l’uomo della provvidenza che scaraventa il pallone in rete! 3 a 2! Che sia la volta buona per amministrare in tranquillità il vantaggio?

Macché! Dopo pochi minuti, secondo rigore concesso agli ospiti, questo sicuramente discutibile: corner da sinistra che spiove sul secondo palo dove De Simone, nel tentativo di liberare l’area dalla minaccia, prova ad emulare il suo compagno Ricci con una rovesciata. Sfortunatamente l’esecuzione non è perfetta e il giocatore gialloblu calcia la sfera involontariamente sul proprio avambraccio. Il direttore di gara concede il secondo rigore in favore degli ospiti. Proteste vibranti dei padroni di casa ma Toti è irremovibile.
Dal dischetto conclusione potente e centrale che si stampa sulla traversa a Falsettini battuto, la palla ritorna giocabile nel cuore dell’area di rigore per una possibile ribattuta a rete. Rovesciata di un attaccante dell’Atletico che non inquadra la porta.

All’ora di gioco, due interventi decisivi di Falsettini che sugli sviluppi di due angoli consecutivi in favore degli ospiti salva il risultato: il primo su colpo di testa da distanza ravvicinata, deviato in corner dallo stesso numero 1 grazie ad un riflesso felino, poi su conclusione dai 20 metri di collo pieno, ancora un tuffo plastico e traiettoria corretta in angolo.

Al 22′ annullato il gol del doppio vantaggio a Renzi per posizione di offside dello stesso numero 10. Ancora la premiata ditta Ricci-Renzi a confezionare l’azione da gol: il numero 9 rifinisce con un altro pregevole tocco sotto per il capitano di casa che in due tempi controlla e conclude verso il palo più lontano, niente da fare per il portiere ospite. Urlo di gioia per la tripletta personale strozzato in gola per il fischio del direttore di gara che alza il braccio e concede una punizione indiretta in favore degli ospiti. 27′ brividi per i tifosi di casa. Ancora corner da sinistra calciato sul primo palo per il terzo tempo di Marotta, torsione verso il palo più lontano e palla che lambisce il legno. Lungo sospiro di sollievo tra giocatori e supporters gialloblu che erano già rassegnati al terzo pareggio. 36′ mischione per l’ennesimo fallo discutibile fischiato a favore degli ospiti, lontano dalla “telecamera” colpo proibito di Boschi a Chini che finisce a terra: direzione scellerata del direttore di gara che non ha saputo gestire una partita delicata oltre a decisioni chiave sistematicamente sbagliate.

Dopo il legno colpito da Renzi arriva il gol che chiude la partita, sassata micidiale di Enned che piega letteralmente le mani a Michelassi: sponda perfetta di Maccarone che scarica per l’accorrente Enned che arma il destro e sgancia un missile terra aria sul quale il portiere può poco e nulla.