Un primo assaggio dell’Atletico Impruneta che verrà, cena di squadra con i...

Un primo assaggio dell’Atletico Impruneta che verrà, cena di squadra con i nuovi acquisti

744
0
CONDIVIDI

Primo approccio alla realtà imprunetina per i nuovi acquisti messi a segno dalla società: cena di squadra alla pizzeria ristorante de”I Pini” all’interno dell’impianto sportivo prima del “passaggio alle cose formali” e alla presentazione ufficiale della rosa della Prima Squadra in data ancora da stabilire (si parla della prima metà di Luglio).

Per migliorare il piazzamento della stagione passata e puntare a giocare i playoff il direttore sportivo Mamma ha sondato il mercato alla ricerca di profili che potessero portare esperienza in gruppo abbastanza giovane, giocatori capaci di gestire i momenti difficili all’interno dei 90 minuti di gioco e nell’arco della stagione. Estenuanti ricerce e lunghe trattative, come quelle precedentemente concluse per il rinnovamento dei prestiti di Casentini, Torrini e Pratesi, hanno condotto all’ombra dei Pini un quintetto di tutto rispetto.
Fattori dal Novoli prenderà il posto di Stefanelli a difesa della porta biancoverde, con Fiani sempre pronto a giocarsi la maglia numero 1.
Novità anche sulla linea mediana viste le partenze di Casamonti e Fioravanti, un doppio colpo da Cubino: il ritorno di Gelonese, anno scorso in prestito, e Lavorini.
In attacco avvicendemento importante: Pesalovo lascia spazio a Ginamatteo Paoletti, classe ’96 con un curriculum da capogiro (Scandicci, San Donato Tavarnelle, Lastrigiana, Dicomamo e Pontassieve, club dal quale arriva in prestito). Ultimo ma, non meno importante, il ritorno di Moretti dal prestito alla Gallianese per rimpolpare un reparto scarno dal punto di vista numerico ma di alto livello.

Una prima immagine della squadra che verrà la potremo apprezzare dal 20 di Agosto, day one dell’inizio della preparazione estiva. Pochi tasselli aggiunti al gruppo a disposizione  di mister Perini che dovrà lavorare fin dai primi giorni di raduno estivo per rendere il mosaico biancoverde una vera opera d’arte.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa generosità dell’Ass. “La Barazzina”: donate cinque licenze di Symwriter all’Istituto Comprensivo Primo Levi di Impruneta
Articolo successivoLa nuova “HIT” del momento: il casino notturno in Barazzina
Nato a Bagno a Ripoli il 20 Ottobre 1994, amante del calcio in tutte le sue sfumature, ho passato buona parte della mia vita sui campi della Toscana a smistare palloni, e a prendere qualche salutare pedata. Una carriera scolastica eterogenea, iniziata come geometra ed evoluta come studente di scienze politiche della facoltà di Firenze. Nella vita poche cose sono certe ma su una vado sul sicuro, ho passato più ore a giocare a calcio che sui libri. Col tempo ho coltivato la passione per il giornalismo, lavorando nella redazione sportiva dell'emittente televisiva di Italia 7.