La notte magica di mister Perini

700
0
CONDIVIDI

Sono le 21,59 del 15 Giungno quando Francesco Perini viene chiamato a ritirare il premio di miglior allenatore della Prima Categoria. Passo sicuro e sguardo glaciale prima del discorso ai numerosi colleghi e addetti ai lavori presenti a Villa Reale, location fiabesca scelta dall’associazione allenatori di Firenze come sede della settima edizione del premio AIAC.

Un riconoscimento più che meritato per un tecnico relativamente giovane, sia anagraficamente sia per quanto concerne il curriculum in panchina. Eh si perche in appena tre anni da allenatore “in prima”, è riuscito prima a salvare l’Atletico Impruneta da retrocessione certa fino ai playout vinti contro la Gallianese, centrare una salvezza con due giornate di anticipo prima della definitiva consacrazione nella stagione appena andata in archivio: record di punti nella Prima Categoria per il club biancoverde. L’avvincente testa a testa tra Centro Storico Lebowski e Ideal Club Incisa per la vittoria finale che ci ha lasciati con il fiato sospeso fino all’ultimo minuto non ha eclissato l’ottima stagione del club di via Vittorio Veneto.

Un premio da condividere con tutto l’ambiente biancoverde: dai collaboratori Romeo Moretti (che da vice di Perini è stato da poco promosso team manager), Duccio Pagni e Francesco Rinaldi – tutti e tre presenti ieri sera insieme ai senatori Migliorini, Leoni e Tinagli – ai giocatori, passando per la dirigenza. Dirigenza che in questi giorni sta lavorando per rinforzare la rosa e riconfermare i giocatori in prestito come Pratesi e Torrini ai quali si potrebbe aggiungere anche Casentini, per il quale le trattative stanno andando per le lunghe ma la priorità è riportarlo all’ombra dei Pini. Dopo le cessioni di Stefanelli (portiere), Casamonti (centrocampista) e Pesalovo (attaccante) arriveranno un giocatore per ruolo che permettano il definitivo salto di categoria e lottare per i playoff, traguardo solo sfiorato questa stagione.

Per un Lebowski che va – in Promozione – c’è un Chianti Nord che arriva. La squadra di Claudio Michelacci, anche lui premiato ieri sera, è riuscita a centrare la promozione in Prima Categoria grazie ad una trionfale cavalcata in Coppa Toscana iniziata a fine estate e conclusa un mese fa allo stadio Buozzi delle Due Strade. Ancora è presto per parlare di calendari, ma ci auspichiamo che le tre squadre del Chianti – Atletico Impruneta, Grevigiana e Chianti Nord – siano inserite nello stesso girone per un nuovo campionato ricco di derby avvincenti.

CONDIVIDI
Articolo precedenteContrade di Grassina, sguardo alla tradizione: ecco il Palio della Lavandaia
Articolo successivoBelmonte, nuovo trofeo in bacheca: gli Esordienti 2006 vincono anche la Supercoppa del “Torneo Stregati”
Nato a Bagno a Ripoli il 20 Ottobre 1994, amante del calcio in tutte le sue sfumature, ho passato buona parte della mia vita sui campi della Toscana a smistare palloni, e a prendere qualche salutare pedata. Una carriera scolastica eterogenea, iniziata come geometra ed evoluta come studente di scienze politiche della facoltà di Firenze. Nella vita poche cose sono certe ma su una vado sul sicuro, ho passato più ore a giocare a calcio che sui libri. Col tempo ho coltivato la passione per il giornalismo, lavorando nella redazione sportiva dell'emittente televisiva di Italia 7.