Tragedia ad Impruneta: duplice omicidio nella notte in via Longo

Tragedia ad Impruneta: duplice omicidio nella notte in via Longo

2540
0
CONDIVIDI
dav

Impruneta colpita da una tragedia, questa notte, con un duplice omicidio avvenuto in un appartamento nelle case popolari nei pressi del Palazzetto dello Sport, in Via Longo. Le vittime sono due signori, un uomo e una donna sulla settantina, Oslvaldo (detto Aldo) e Patrizia Manetti (entrambi del 1949), probabilmente uccisi dal figlio di lui, Dario. I due corpi sono stati ritrovati nell’appartamento mentre il figlio è per il momento introvabile ed i Carabinieri del comando di Impruneta guidati dal Maresciallo Papa sono al lavoro per rintracciarlo.

Dario è imprunetino, classe 1975, ex deejay, conosciuto in paese. Non si sono sentiti spari nell’appartamento ed entrambi sono stati accoltellati. I corpi sono stati ritrovati dal figlio maggiore di Aldo in mattinata, dopo che i vicini si erano allarmati per l’assenza di risposte alle loro chiamate vocali e telefoniche.

L’auto di Dario, una panda nera, è stata ritrovata sulla corsia d’emergenza in autostrada sull’A1 all’altezza di Calenzano ma non c’è nessuno a bordo. Al momento nell’abitazione di Via Longo, civico sette, ci sono due volanti di Carabinieri. Tutti gli indizi portano al figlio Dario, ancora disperso.

AGGIORNAMENTO ore 15:30:

Dopo il ritrovamento della macchina, Dario è stato trovato nei pressi dell’autostrada, zona Calenzano, in un boschetto che farneticava e non ha opposto resistenza. L’arma del delitto non è stata trovata. I genitori sono stati trovati in terra con i segni di numerose coltellate: il padre nell’ingresso e la compagna in camera.

In questi istanti lo stanno portando in Borgo Ognissanti, le Forze dell’Ordine devono capire se è stato lui ad uccidere il padre e la compagna del padre. Dario resta il primo sospettato poiché nella nottata era stato udito dai vicini litigare con Osvaldo.

Sono passate tante ore dal ritrovamento del figlio Dario e, dopo l’esito dell’interrogatorio finale, questa brutta giornata imprunetina si conclude con l’arresto del 43enne Dario Capecchi con l’accusa di duplice omicidio aggravato ed a breve verrà portato a Sollicciano, in carcere.