Impruneta, autista Busitalia aggredito da richiedente asilo, l’A.C.: “Solidarietà al conducente, avanti...

Impruneta, autista Busitalia aggredito da richiedente asilo, l’A.C.: “Solidarietà al conducente, avanti con l’accoglienza ma nessuna tolleranza per chi commette reati”

311
0
CONDIVIDI

Alcuni giorni fa i carabinieri hanno denunciato un uomo nigeriano per aver aggredito l’autista in servizio di un pullman di Busitalia – Sita, lungo la Via Chiantigiana.  L’uomo, 31enne ed in fase confusionale, una volta salito a bordo del mezzo ha dato un pugno al conducente, poi ha sfilato le chiavi dal quadro costringendo la Sita a fermarsi. L’autista, a quel punto, ha invitato i passeggeri a scendere. Tra loro anche un Carabiniere fuori servizio, intervenuto. Il nigeriano aveva lasciato lo zaino al capolinea, recuperato dall’autista, tornato per l’occasione indietro, ciò non ha placato l’uomo che, nuovamente in atteggiamento aggressivo verso il conducente, si è ferito urtando contro la pensilina della fermata.

Intervenuti sul posto i carabinieri, giunta l’ambulanza per soccorrere il richiedente asilo ospite in una struttura di Impruneta, il 31enne è stato denunciato per “interruzione di pubblico servizio”.

In seguito all’incidente l’Amministrazione Comunale di Impruneta esprime “Piena solidarietà all’autista di Busitalia aggredito nei giorni scorsi mentre era alla guida, lodando anche la presenza di spirito del lavoratore che ha permesso di evitare gravi conseguenze ai passeggeri del pullman e al mezzo stesso.

Per parte nostra, intendiamo procedere sulla linea dell’accoglienza corretta di tutti coloro che fuggono da situazioni di vita insopportabili, quali sono gli ospiti dei Cas (Centri di Accoglienza Straordinaria) presenti sul territorio, strutture decise dalla Prefettura, con le quali il Comune può solo interagire con progetti di volontariato. Mai però giustificheremo e tollereremo atti che costituiscono inequivocabilmente reati gravi”.