Palio di Bagno a Ripoli: la 38° edizione è di marca Torre,...

Palio di Bagno a Ripoli: la 38° edizione è di marca Torre, sua la Giostra, suo il Palio!

714
0
CONDIVIDI

Anche il 38° Palio di Bagno a Ripoli è andato…nonostante un primo rinvio causato dal maltempo e malgrado una fine pioggia che, sabato scorso, 16 Settembre, ha rischiato di mandare all’aria sforzi e buoni propositi di volontari ed appassionati. Parola d’ordine: resistere. O, meglio, pregare. Che non piova più forte, ad esempio.
La manifestazione si è svolta nell’arco della giornata come di consueto: giochi contradaioli, sfilata rievocativa per le vie del capoluogo, infine la Giostra della Stella, momento competitivo tra le contrade – Torre, Cavallo, Mulino, Alfiere – culmine dell’intero Palio. Il tutto allestito ai Giardino dei Ponti, teatro del principale evento folcloristico ripolese.

Il pomeriggio arride (5 giochi su 5) alla contrada della Torre, miglior auspicio per presentarsi carichi e galvanizzati per i giri cavallereschi della Giostra. Da sottolineare le misure preventive di sicurezza contro attacchi terroristici, prese dall’Amministrazione Comunale col supporto di associazioni locali quali la VAB: protetta Via Roma ed isolati i Ponti, sbarrando i possibili accessi a vetture, anche di grossa taglia, attraverso il posizionamento di tir in punti strategici. Poi, la pioggia…minaccia principale per un Palio che, giunti a tal punto, s’ha da fare!

La voce narrante dell’evento, dal microfono, va e viene, lo spettacolo di musici e sbandieratori rimandato, si parte con i giri di prove dei quattro sfidanti…
Palio bagnato, palio fortunato? Si, almeno per…
Dopo una bandiera rossa ed i previsti turni di giostra, a trionfare nella notte è la…TORRE, autrice di un cappotto storico. Palio (a firma di Cristiano Batacchi) e Giostra vanno ad un’unica contrada, le briciole alle altre.
Ora, si può festeggiare. La Torre per il trionfo, il resto di contradaioli, volontari ed artefici del Palio – presieduto da Elena Ciapetti – per esser riusciti a portare in fondo l’evento, salvaguardando, nonostante tutto, tradizione e cultura di Bagno a Ripoli.

 

 

(Video che riprendiamo dalla pagina Facebook di Alberto Campaioli)

#Palio delle contrade di Bagno a Ripoli 2017. Cappotto della #Torre. 6 giochi vinti su 6. Mai successo in 38 edizioni. #Mavieni ! #noncenèxnessuno

Pubblicato da Alberto Campaioli su Sabato 16 settembre 2017

 

 

(Clicca sulle immagini per vederle nelle dimensioni originali)

CONDIVIDI
Articolo precedente91° Festa dell’Uva, ecco la Coppa in terracotta realizzata da Luigi Mariani della MITAL
Articolo successivoGharbi chiama, Casentini risponde! Tra Atletico e Lebowski vince lo spettacolo
L’Associazione Giostra della Stella - Palio delle Contrade non persegue fini di lucro, è apolitica e dal carattere aconfessionale. Si pone l’intento di promuovere socialmente e culturalmente la manifestazione omonima (tenuta la seconda domenica di settembre) esistente sul territorio dal 1980. Tutela e valorizza in tal maniera il patrimonio tradizionale, folcloristico, storico di Bagno a Ripoli, rievocando nelle gesta e nei costumi il periodo rinascimentale (tra 1530 e 1570) del Granducato di Cosimo dè Medici e del suo intersecarsi con gli ambienti ripolesi. L’Associazione riunisce le contrade (attualmente tre) del capoluogo Bagno a Ripoli che partecipano al Corteo Storico ed al Palio: Il Cavallo, Il Mulino, La Torre. Membri dell’Associazione sono anche Musici e Sbandieratori che colorano e movimentano le sfilate, in occasione del Palio delle Contrade di Bagno a Ripoli e nelle varie esibizioni annuali al di fuori del Comune. L’Associazione fa parte della Federazione Italiana Giochi Storici (F.I.G.S) ed automaticamente della Confederazione Europea Giochi Storici (C.E.F.M.H.).