“Il Flauto Magico” in chiave Hip-Hop all’OBIHALL, da un’idea di Maria Bazzani....

“Il Flauto Magico” in chiave Hip-Hop all’OBIHALL, da un’idea di Maria Bazzani. Bagno a Ripoli sul palco con gli studenti di Michelet e Marconi

il 4 aprile 2019 uno spettacolo coinvolgente che legherà hip-hop e lirica con brani riadattati dal produttore musicale Enrico Ravegnani, in arte Enrythm

287
0
CONDIVIDI

Orecchie spalancate, penna rossa in mano e calendario a portata: c’è da cerchiare una data dell’anno che verrà, il 2019.
“Io mi sto preparando”, cantava Dalla…in attesa di una novità.
4 aprile, un giovedì: sarà il giorno della rappresentazione de “Il Flauto Magico” all’ObiHall di Firenze, regia di Maria Bazzani con brani riadattati da Enrico Ravegnani in arte Enrythm. Una ripolese di nascita, l’altro di adozione.
Quel giorno, sul palco, ci saranno anche gli studenti delle scuole Michelet di Antella e Marconi di Grassina.

Un passo (di hip hop) alla volta.
Quando DCFNews racconta anteprime cariche di ispirazione e talento – magari inerenti alla parte artistica del ballo e/o del teatro – il merito ricade solitamente su Maria Bazzani, conosciuta come Baba: fondatrice della scuola di ballo The Dreamers Academy con sede ad Osteria Nuova, ballerina fantastica e fucina di idee (che diventano realtà).
L’ultima? Condensare in un unico spettacolo i due personali amori artistici: l’Hip-Hop e l’Opera lirica. Innovazione e tradizione.
Possibile? Si. Con il supporto fondamentale di Enrythm, produttore musicale di caratura internazionale: proprio Enrico, infatti, ha riadattato in chiave hip-hop otto brani di “Die Zauberflöte”, il Flauto Magico, opera di Mozart. Un’azione delicata che ha richiesto mesi di lavoro.

“Il concept “Street HiphOpera” –  come ci racconta Maria – nasce idealmente nel 2016 ed è stato sperimentato in una sorta di Première nel maggio 2018 al Pala De André di Ravenna. La direzione del palazzetto fu incredibilmente disponibile, investì sul nostro progetto colpita dal coinvolgimento dei giovani ed il 26 maggio scorso lo spettacolo andò sold out. A fine show il direttore mi strinse la mano, dicendomi: “Ad anno prossimo”.

Nell’occasione vennero messi in scena nello spazio esterno del Pala De André cinque brani riadattati de “Il Flauto Magico” con 120 ragazzi under 16 che si esibirono in coreografie danzanti: 47 studenti della Scuola Primaria A. Torre di Ravenna, circa 60 giovanissimi che praticano parkour, 16 ballerini Hip Hop e 3 pattinatrici della “Rinascita Pattinaggio Artistico Ravenna”. Con la partecipazione di alcuni ballerini di “The Dreamers Academy”, in scena e nello staff. Questa, come detto, fu una premiére.

Il debutto ufficiale, quello da cerchiare in rosso, è appunto il 4 aprile 2019 all’Obi Hall di Firenze.
Sarà una versione integrata e completa: in più ci sarà il pianoforte “live”, verranno usati tutti i brani riadattati da Enrythm e parteciperanno allo spettacolo ben 180 giovani under 16.
“Mai avrei pensato che un progetto didattico potesse assumere una tale rilevanza”, confida Maria.
Tra i protagonisti, per merito della referente scolastica Giada Termini, disponibilissima, ci saranno anche le classi quarte delle scuole elementari Michelet (due classi) e Marconi (tre classi): studenti ripolesi che impareranno a ballare e recitare ed avranno la possibilità di arricchirsi di un’esperienza artistica, umana e culturale indimenticabile.

Maria “Baba” Bazzani

 

Alcuni scatti dello spettacolo “Il Flauto Magico” del 26 maggio 2018 a Ravenna