Ciao “Nano” Campeggi, il “pittore delle dive”: da Bagno a Ripoli ad...

Ciao “Nano” Campeggi, il “pittore delle dive”: da Bagno a Ripoli ad Hollywood ritraendo il cinema del Novecento

607
0
CONDIVIDI

Silvano Campeggi, ripolese ma cittadino del mondo, artista internazionale e conosciuto da tutti col soprannome “Nano”, ci ha lasciato all’età di 95 anni. Un anno fa – era il 4 luglio 2017 – il Sindaco Francesco Casini consegnò a Nano Campeggi le “chiavi della città”, riconoscimento del quale vengono insignite autorità del comune di Bagno a Ripoli. Silvano era certamente tra queste, noto per essere il “pittore delle dive”, ritrattista di Marylin ed autore di alcuni manifesti cinematografici più memorabili del secolo scorso: Casablanza, Colazione da Tiffany, West Side Story, Un americano a Parigi. Capolavori realizzati con uno stile inconfondibile che lo consacrarono nell’ambiente illustre del cinema e di Hollywood.

“Una persona perbene, sempre pronta al sorriso, protagonista della vita culturale della nostra comunità insieme all’inseparabile moglie Elena. A nome di tutta la cittadinanza, grazie di cuore Silvano per aver portato un po’ di Bagno a Ripoli nel mondo con il tuo talento!”, scrisse sulla propria pagina Facebook il sindaco Casini nel luglio 2017.

 

Dell’artista Silvano “Nano” Campeggi, a Bagno a Ripoli, si possono trovare tutt’oggi nette tracce: da “schizzi” disegnati e lasciati in alcuni luoghi ripolesi come all’Osteria CoccioPesto agli illustri tratti del Palio di Bagno a Ripoli, dono al vincitore della Giostra della Stella. Di seguito il saluto del Sindaco Francesco Casini:

“È scomparso Silvano Campeggi. Grande dolore e commozione e un abbraccio immenso alla moglie Elena e alla sua famiglia. Per la ‘sua’ Bagno a Ripoli, dove viveva dagli anni ’60, Nano ha fatto tanto. Il 4 luglio del 2017, all’Oratorio di Santa Caterina, gli avevamo consegnato con piacere, orgoglio ed emozione le ‘Chiavi della Città’, per ringraziarlo di avere portato il nome di Bagno a Ripoli nel mondo e di avere deciso di trascorrere qui la sua vita, lui che aveva lavorato con i miti hollywoodiani. Era una persona solare, disponibile e generosa, protagonista della vita culturale della nostra comunità, una presenza che ci mancherà terribilmente. È stato un grande onore conoscerlo ed averlo come concittadino e soprattutto come amico. Ciao Nano non ti dimenticheremo mai!”