Antella: porta sfondata e caos dentro il chiosco, I’Lanternino preso di mira...

Antella: porta sfondata e caos dentro il chiosco, I’Lanternino preso di mira dai ladri

1311
0
CONDIVIDI

Antella si sveglia nuovamente turbata, tra la cronaca dell’ennesimo atto di ruberia ed il dubbio lecito di una tranquillità sociale minata da accadimenti del genere. Siamo ai giardini della Resistenza stavolta, nel pieno cuore della vivibilità antellese, dove dal 2017 “abita” il chiosco I’Lanternino. Piccolo, intimo, ben addobbato….e, purtroppo, preso di mira da malintenzionati che non si fanno scrupoli a rovinare cose, attività commerciali e persone.

Proprio stanotte, infatti, si è verificato un nuovo tentativo di depredare il chiosco: “È la terza volta quest’anno, ho smesso di lasciare l’incasso della serata ma dentro il chioschino è buttato tutto all’aria, devo ancora capire cosa hanno portato via”, spiega affranta la titolare Sara. Dura portare avanti un’attività in questa maniera…

Intorno alle 9 di questa mattina la Polizia Municipale è intervenuta sul posto. Caos dentro la struttura in legno, la porta laterale sfondata, danni evidenti. Sedie e tavoli, al contrario, intatti. Da escludere una ragazzata che avrebbe con tutta probabilità devastato gli oggetti all’esterno, si pensa ad un atto volontario e mirato di ladri: “Mi hanno detto i Vigili che nella nottata sono entrati anche in un altro chiosco di zona. In questi mesi mi hanno portato via anche sedie e poltroncine che, fidandomi, ogni sera lascio all’esterno del chioschino: mi rifiuto di mettere i lucchetti dappertutto, è assurdo che si debba vivere con questa ansia o con telecamere ovunque.”

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteDefibrillatore di Bagno a Ripoli: ricoperto di vernice spray lo stemma dell’Ass. Culturale Contrada Alfiere
Articolo successivoDopo I’Lanternino assaltato anche il chiosco dell’USD Antella
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.