Il Sindaco Calamandrei replica alla consigliera Cioni: “Il parcheggio del “Nesi” è...

Il Sindaco Calamandrei replica alla consigliera Cioni: “Il parcheggio del “Nesi” è un problema? Cercheremo di risolverlo assieme alla ASD Imp-Tavarnuzze”

644
0
CONDIVIDI

Il Sindaco Calamandrei, tempestivamente, ha voluto replicare alla piccata lettera della Consigliera Laura Cioni (leggi qui), giustificando inoltre alcune dichiarazioni uscite pubblicamente su un noto quotidiano, a detta del Primo Cittadino, travisate. Difatti, sul proprio profilo facebook, Calamandrei scrive:

“Il giorno seguente l’uscita dell’articolo […] ho chiamato direttamente il presidente dell’ASD Impruneta-Tavarnuzze Claudio Manetti, spiegandogli cosa era successo, e che mai il sottoscritto aveva detto che l’amministrazione aveva realizzato il nuovo campo sportivo in sintetico, bensì: “L’associazione sportiva Tavarnuzze-Impruneta, è riuscita a portare a conclusione i lavori sul campo sportivo di Tavarnuzze dopo che l’anno scorso abbiamo firmato una convenzione ventennale, proprio per potergli permettere di investire in maniera importante.”

Capisco l’arrabbiatura di qualcuno nel leggere l’articolo, ed io stesso ho informato subito la giornalista del clamoroso taglio fatto, generando una lettura diversa dall’originale. Così come ho avvertito subito il presidente facendogli presente quello che era successo. E’ grazie all’ottimo risultato della società, e degli accordi che è riuscita a fare, che adesso è venuto fuori il problema del parcheggio (problema pressoché inesistente fino a settembre). Cercheremo di risolverlo insieme alla società sportiva.
Per quanto riguarda il progetto del Parco Pali, vorrei rassicurare che non è a prendere polvere da nessuna parte, e siamo in attesa di avere il progetto definitivo da società autostrade che sta ultimando i saggi geologici finali (qualcuno avrà visto la trivella in quello che era il parcheggino sulla greve).”

Dunque, commentando quanto riportato dal Sindaco sul proprio canale social, oltre al chiarimento riguardo ai meriti per il manto sintetico dell’Ascanio Nesi (propri della società verde-azzurra), Calamandrei riconosce l’esistenza, seppur di recente notorietà, di un’area posteggio rivedibile. Ed annuncia: “Cercheremo di risolverlo insieme alla società sportiva”.
Doveroso l’intervento, per disparati motivi: anzitutto perché, verità che balza agli occhi, la situazione del parcheggio in questi mesi invernali di piogge diventa realmente pericolosa per sospensioni delle auto ed articolazioni delle persone. Secondo, poiché la frequentazione dunque il passaggio di vetture e bipedi è raddoppiata se non triplicata rispetto agli scorsi anni: ciò ne consegue un più rapido deterioramento del manto stradale e la necessità di una struttura che supporti adeguatamente la viabilità. Terzo ed ultimo punto, di valore estetico, rifacendosi ad un incrementato prestigio della società tavarnuzzina, un impianto sportivo spettacolare e professionale merita un “biglietto da visita” di ben altra caratura. Siamo certi che il Sindaco avrà mosso le nostre stesse considerazioni, dichiarando pubblicamente l’impegno a condividere soluzioni con la società ASD Impruneta Tavarnuzze al fine di risolvere il problema.