Il Gruppo Giovani Tavarnuzze festeggia i 10 anni di vita: “Grazie a...

Il Gruppo Giovani Tavarnuzze festeggia i 10 anni di vita: “Grazie a Don Andrè, grazie a chi ha reso possibile tutto questo”

326
0
CONDIVIDI

Il Gruppo Giovani Tavarnuzze, Domenica 3 Giugno, ha festeggiato con una
bella iniziativa per tutta la comunità i dieci anni di vita. Una buona partecipazione da parte della comunità e una bella festa per i propri ragazzi. Di seguito l’intervento di Gemma Scarti a nome del Gruppo Giovani:

“Voglio raccontarvi una storia, una storia che Don Andrè mi ha ricordato esattamente 4 anni fa nell’omelia del nostro matrimonio: erano i primi di Dicembre del 2007, Don Andrè era appena arrivato a Tavarnuzze. Non esisteva nessun gruppo giovani, solo un gruppetto di ragazzini caparbi che anche se avevano finito il catechismo, una volta ogni tanto si trovavano da soli in parrocchia per stare insieme. Occorreva qualcuno che ci stesse un po’ dietro. E allora chiamò me e Costanza e i nostri genitori, per buttar giù un’idea di come avremmo potuto fare. A quella famosa riunione partecipò anche Alessio, che quella volta si sedette sul gradino più lontano della sacrestia, così tanto per accompagnarmi, ma senza sapere bene che cosa era venuto a fare… All’epoca non lo sapevamo neanche noi, ma stavamo gettando le basi per tutto questo… cominciammo così: con un paio di incontri nel 2008 tra i ragazzi “grandi” e
una gita a Mirabilandia per i più piccoli.

Increduli per l’entusiasmo con cui i ragazzi si ritrovavano, iniziò così quello che è l’attuale gruppo giovani. Anno dopo anno abbiamo accolto i cresimandi, affrontando con loro nuove sfide, abbiamo cercato di interessarci alle cose del mondo: siamo andati alle Giornate Mondiali della Gioventù, al Villaggio della Speranza, al Giubileo dei ragazzi, a San Patrignano, al Dynamo Camp, a vedere la Sacra Sindone.
Abbiamo cercato di partecipare alla vita Diocesana e Vicariale. Ci siamo mossi verso le periferie, partecipando alla Ronda della Carità e al Banco alimentare. Abbiamo aperto l’oratorio durante l’anno e d’estate per il Grest. Tutte queste fotografie a giro per il piazzale ci raccontano tutto ciò e molto di più: tanti sorrisi, qualche lacrima, molte serate divertenti passate insieme, tante emozioni. E oggi ripartiamo da qui: da questo piazzale! Oggi voteremo il nome del nostro oratorio, il nostro luogo speciale che possiamo considerare come una seconda casa. Tante idee per il futuro e tanti sogni nel cassetto. Sogni che potremo realizzare solo grazie all’aiuto di ognuno di voi.

Voglio però ricordare a tutti noi che “avere una bella storia alle spalle non serve per camminare con gli occhi all’indietro o per guardarsi allo specchio”. Lo stesso
Papa ci ricorda che “fare memoria di un lungo itinerario di vita aiuta a rendersi consapevoli di essere popolo che cammina prendendosi cura di chi abbiamo accanto, aiutando ognuno a crescere umanamente e nella fede, condividendo la misericordia con cui il Signore ci accarezza.” Ancora dalla parole di Francesco. Ragazzi e genitori, “sentite
forte dentro di voi la responsabilità di gettare il seme buono del Vangelo nella vita del mondo, con la carità, l’impegno politico, la passione educativa e la
partecipazione al confronto culturale. Allargate il vostro cuore per allargare il cuore delle vostre parrocchie. Siate viandanti della fede. [..] Rimanete aperti alla realtà che
vi circonda. Cercate senza timore il dialogo con chi vive accanto a voi, anche con chi la pensa diversamente. È attraverso il dialogo che costruiamo la pace, prendendoci
cura di chi abbiamo vicino.”

Infine eccomi qui con voi oggi a urlare il mio GRAZIE! Grazie perché senza ognuno di voi non saremmo a festeggiare questo traguardo! 10 anni son passati da quando abbiamo iniziato a “bazzicare sotto questo campanile”. Ogni tanto siamo stati un po’ nascosti e sfuggenti, qualche volta più presenti e pronti a dare una mano, ma sempre col sorriso sulle labbra e una vitalità incredibile. 10 anni, tanti ragazzi che si sono susseguiti, qualcuno ci ha salutato e ha preso la sua strada, qualcuno è rimasto e oggi si impegna con i più piccoli. 10 anni di avventure, di gite e momenti di riflessioni… Un traguardo che non ci ferma anzi ci dà la spinta per ripartire per altri dieci anni così… E oggi oltre che a ringraziarvi ancora sono qui per farvi una richiesta, una cosa semplice che ogni membro di questa comunità, la nostra comunità può fare: pregate per noi, come avete sempre fatto! Le idee non mancano ma se non abbiamo il sostegno della nostra Parrocchia non andremo da nessuna parte. Non smettete di sostenerci e credere in noi e chiedete al Signore che ci dia la forza di portare avanti la missione che ha scelto per noi! Quindi GRAZIE a ogni ragazzo che ci ha accompagnato in questi lunghi dieci anni. A coloro che sono rimasti e a coloro che la vita ha portato su strade diverse, vicine o lontane. Grazie a Don Andrè che ha visto un gruppo dove non c’era e a tutti i sacerdoti che si sono avvicendati negli anni e ci hanno accompagnato in questa splendida avventura. Grazie ad ogni genitore, nonno, fratello o amico che in questi anni ha creduto in noi e ci ha sostenuto e esortato a fare sempre qualcosa di più! GRAZIE ad ognuno di voi che oggi è qui a festeggiare con noi… e su: forza ragazzi che di strada ce n’è ancora tanta da fare!Un grazie infinito. I vostri ragazzi”

CONDIVIDI
Articolo precedenteASD Belmonte AG: trionfo degli Esordienti 2006 al Torneo Stregati, decide Burgassi allo scadere…
Articolo successivoVenerdì 15 Giugno:”Passeggiando per Impruneta”, tante sorprese per le vie del paese!