Un gol per tempo: la doppietta di Bruni stende anche la Baldaccio....

Un gol per tempo: la doppietta di Bruni stende anche la Baldaccio. il Poggibonsi ora è a -5.

202
0
CONDIVIDI

ECCELLENZA
GRASSINA vs BALDACCIO BRUNI 2-0
GRASSINA: Burzagli, Stella, Benvenuti, Degli Innocenti, Fani, Villagatti, Metafonti (79′ Fabbrini), Nuti, Baccini (65′ Meacci), Bellini (79′ Kthella), Bruni (83′ Vannoni). A disp.: Merlini, Dall’Olmo, Martellini, Torrini. All.: Innocenti.
BALDACCIO BRUNI:
Palumbo, Aquilini, Fabbri, Castellano, Angiolucci, Saccà, Alomar, Torzoni (88′ Barbini), Terzi, Quadroni, Rufini. A disp.: Viroli, Bruni, Andreani, Chesaru, Rosati, Gorelli, Zurli, Battistini. All.: Bernardini.
ARBITRO: Giacomo Ravara Valdarno, coad. da Gianmarco Macripò e Simone Iuliano Siena

RETI: 22′ Bruni, 73′ Bruni

“Prima o poi dovrà succedere, oggi l’è dura…” ogni domenica questo si mormora sugli spalti, perché è davvero difficile credere che questo Grassina sia reale.
oggi le premesse erano di una partita sofferta: un’avversaria di metà classifica, ma in forma, un Grassina con diverse assenze pesanti e apparso un po’ in calo in termini di bellezza del gioco nelle ultime partite benché i risultati siano arrivati lo stesso.
I rossoverdi, in barba a queste considerazioni hanno dato vita a una prestazione davvero convincente: difesa sicura, centrocampo che solo a inizio ripresa ha subito la pressione degl’ospiti; una vittoria indubbiamente bella e meritata. 

I ragazzi di Innocenti prendono le redini della situazione e si fanno di gran lunga preferire nelle trame di gioco che impongono ai verdi anghiaresi. È il 5’ minuto quando Bellini estrae dal cilindro un pallonetto che supera il mal posizionato portiere ospite, il gol viene rimandato grazie alla deviazione sulla linea di Angiolucci.
il clima è umido, ma l’attacco rossoverde ha tutto fuorchè le polveri bagnate, la difesa della Baldaccio sbanda e viene anche graziata dal direttore di gara che non sanziona un mani in area.
Il Grassina gioca davvero bene, pare quasi paradossale quindi che il gol giunga su rigore; scocca il 22’ quando Bruni viene steso in area dopo che Palombo gl’aveva difettosamente respinto sui piedi un tiro.
questa volta il direttore di gara non esita a indicare il dischetto su cui lo stesso Bruni pone la sfera, prima di depositarla in rete. Prima dell’intervallo altre occasioni capitano sui piedi di Bellini e Stella, che non capitalizzano.

Come anticipato, il secondo tempo si apre con una Baldaccio che tenta di rialzare la testa dopo i primi 45 minuti in cui l’unica cosa positiva è lo svantaggio rimasto minimo. Tengono più palla gli ospiti, ma sostanzialmente non producono nulla che possa impensierire Burzagli (al 65’  il neo-acquisto Meacci rileva Baccini, per rimpinguare un centrocampo leggermente in affanno) che viene chiamato in causa solo al 70’. L’amaro in bocca della trasferta a Porta Romana è difficile da scordare, per cui il pericolo corso diventa uno stimolo per chiuderla. Passano cinque minuti e di nuovo Bruni (omonimo del condottiero della Repubblica Fiorentina, a cui è intitolata la squadra ospite) conclude nel migliore dei modi un coast to coast di Villagatti, con un tiro dal limite di rara bellezza.

Sul 2 a 0 c’è modo anche per Burzagli di mettersi in mostra, deviando di piede un tiro ravvicinato di Quadroni, da qui in poi c’è ben poco da raccontare, se non la buona impressione suscitata da Kthella: l’ex Foiano gioca gli ultimi dieci minuti in un Grassina che però non ha intenzione d’attaccare.
 I rossoverdi controllano, fino al triplice fischio, una Baldaccio forse rassegnata dopo la seconda marcatura a una sconfitta.
Se a Grassina gli ultimi minuti sono poco interessanti, vale sicuramente la pena vedere che succede in Mugello dove si sfidano Fortis Juventus e Poggibonsi…i giallorossi stanno vincendo e questo potrebbe non essere un male, perché se la seconda finisce il campionato a +10 dalla terza, i playoff del girone non si disputano; considerato questo però la speranza diffusa è che le due inseguitrici del Grassina pareggino. Verso l’80’ arriva la notizia sperata: la Fortis pareggia!
La scaramanzia è sempre d’obbligo, però la vittoria nel derby (e soprattutto come e quando è arrivata), questo pareggio tra la seconda e la terza… Si, possiamo anche dire che questo pare proprio che voglia essere l’anno buono!