Scuola Media Redi, applausi per Cosimo, Paolo, Giovanni: premiati i tre alunni...

Scuola Media Redi, applausi per Cosimo, Paolo, Giovanni: premiati i tre alunni più meritevoli dell’anno scolastico 2016/17

Questa sera, al 22 Noir, riceveranno una borsa di studio offerta da realtà locali

1867
0
CONDIVIDI

Questa mattina, la Scuola Media Redi, facente parte dell’Istituto Comprensivo Antonino Caponnetto, ha celebrato i suoi miglior studenti dell’annata scolastica 2016/17, bissando l’esperimento nato proprio anno scorso per volontà dell’ex Preside Marco Panti coadiuvato dal Consigliere d’Istituto (anche Presidente del CAT) Daniele Locardi. Quale l’idea degna di nota? Premiare i tre alunni uscenti che, più degli altri, per voti, intelletto e condotta, si son contraddistinti nei loro ultimi 8 mesi di scuole medie. Riconoscerne dunque i meriti per valorizzare ed esaltare l’eccellenza, stimolando altri giovani a ricercare dentro sé curiosità, ambizione, altro dalla mediocrità.

Pertanto, alla presenza proprio dell’ex Dirigente Marco Panti, dell’attuale Preside Maria Luisa Rainaldi, dell’Assessore alla Cultura di Bagno a Ripoli Annalisa Massari, è avvenuta la cerimonia: a ricever una pergamena di merito, da porre all’interno di una cornice, sono stati (dal 3° al 1°) Giovanni Secchi, Paolo Pisani, Cosimo Guidotti, applauditi da genitori, insegnanti e loro “eredi” nel ruolo di studenti della Redi. I tre giovani, quest’anno, hanno intrapreso tre differenti percorsi di studio alle Scuole Superiori: precisamente, Liceo Classico Michelangelo per Giovanni, Liceo Scientifico Gramsci per paolo, Liceo Scientifico Gobetti per Cosimo. Questa sera, infine, per concludere la giornata di celebrazioni, saranno ospiti del Ristorante 22 Noir, dove riceveranno una Borsa di Studio ciascuna dal valore di 700, 500 e 300 euro, offerti da tre realtà del territorio: Zetati della famiglia Zepponi, EChianti e, appunto, il 22 Noir. 

 

Sponsor calamitati proprio dal suddetto Daniele Locardi, tra i fautori dell’iniziativa: “Ho cercato di render possibile qualcosa che personalmente non ho potuto vivere da ragazzo, dunque studiare. Provenendo da una famiglia umile non sono riuscito a proseguire le scuole per quanto avrei voluto, pertanto la volontà e possibilità di premiare chi se lo merita, incentivandoli nel loro fondamentale percorso di crescita culturale, è una motivazione più che valida per impegnarsi in questo progetto!”. 

Anche l’Assessore ed Insegnante di Scuola Superiore Annalisa Massari ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa: “Dar risalto al merito è una scelta intelligente e certamente non scontata. Ragazzi, continuate così!”

 

 

(Cliccate sulle foto per vederle nelle dimensioni originali)