Presidio distrettuale di Grassina: le attività amministrative si trasferiscono al Santa Maria...

Presidio distrettuale di Grassina: le attività amministrative si trasferiscono al Santa Maria Annunziata

759
0
CONDIVIDI

Dal prossimo 27 novembre, nuova vita per il distretto Asl di Bagno a Ripoli: le attività amministrative del presidio distrettuale di Grassina si trasferiranno al Santa Maria Annunziata. I cittadini dovranno rivolgersi alla palazzina adiacente all’Ospedale, in via dell’Antella n.58 (al primo piano dell’edificio) per lo svolgimento delle seguenti attività: iscrizione all’anagrafe sanitaria, scelta e cambio del medico di medicina generale e del pediatra di famiglia, pratiche relative alla carta sanitaria elettronica (CSE), come ad esempio attivazione e richiesta del duplicato, rilascio delle esenzioni per patologia e reddito, domande per l’astensione obbligatoria dal lavoro per le lavoratrici con gravidanza a rischio e richieste per il rimborso del ticket.

Nella stessa sede, lo scorso mese di ottobre, si sono trasferiti i corsi di preparazione alla nascita. A breve anche il centro vaccinale sarà collocato all’interno del presidio ospedaliero.

Entro la fine della primavera del 2018 il presidio distrettuale di Grassina Sarà quindi chiuso e tutte le attività saranno trasferite presso la palazzina adiacente l’Ospedale Santa Maria Annunziata.

“Siamo felici – dice il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini – di questo primo passo che nell’arco di qualche mese porterà al trasferimento di tutte le attività del presidio distrettuale in una struttura finalmente più sicura e più moderna, che potrà accogliere al meglio servizi importantissimi per la comunità. Il presidio avrà finalmente una collocazione più dignitosa e anche razionale, trovando casa accanto all’ospedale di Ponte a Niccheri, che sta attraversando una fase cruciale di valorizzazione di cui beneficeranno tutti i cittadini”. “Ringrazio la Asl – aggiunge il sindaco – che ha mantenuto l’impegno a potenziare il distretto, con servizi e spazi più adeguati, in un contesto ospedaliero che nel giro di un anno vedrà una riqualificazione completa”.