Mobilità sostenibile, Mobike approda a Bagno a Ripoli

Mobilità sostenibile, Mobike approda a Bagno a Ripoli

Approvata dalla giunta una delibera per la sperimentazione di sei mesi del servizio di bike sharing. Al lavoro anche per dotare il territorio di bici con pedalata assistita per tour in collina

340
0
CONDIVIDI

 

Bagno a Ripoli, 3 ottobre 2017 – Il bike sharing di Mobike approda a Bagno a Ripoli: stamani la giunta comunale ha approvato una delibera che apre le porte a una sperimentazione del servizio con la piattaforma cinese della durata di sei mesi.
Nel giro di alcune settimane le biciclette faranno il loro ingresso sul territorio comunale ripolese. Dopo la fase sperimentale, il Comune aprirà un apposito avviso pubblico per affidare la gestione del servizio.  Nel frattempo l’amministrazione comunale è al lavoro insieme a Mobike per dotare il territorio di una flotta di biciclette anche a pedalata assistita, da impiegare – data la specificità territoriale del comune – su percorsi collinari, con una fruizione turistica ma non solo.“Con la delibera di oggi  – dicono il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini e l’assessore alla mobilità Paolo Frezzi– il nostro Comune fa un grande passo in avanti sulla mobilità sostenibile. Con il nostro sistema di piste ciclabili, che stiamo ampliando e ottimizzando sempre più grazie a numerosi investimenti, non ultimo quello ottenuto grazie al ‘bando periferie’, nel nostro territorio la bicicletta ha le carte in regola per diventare davvero un mezzo di mobilità alternativa all’auto privata. Le biciclette di bike sharing di Mobike già da settimane circolano a Bagno a Ripoli, in arrivo da Firenze. Ma con l’atto della giunta il nostro Comune avrà una flotta propria, che sarà composta indicativamente da alcune centinaia di mezzi a due ruote. Tra queste, una parte sarà a pedalata assistita per consentire di affrontare anche le nostre salite in collina, con percorsi tra olivi e bellezze naturalistiche e artistiche che potranno essere apprezzati tanto dai turisti quanto dalla cittadinanza ripolese”.